Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter Alguer.cat
Cagliari OgginotiziecagliariPoliticaEconomia › Sulcis, tra ambiente, industria ed energie compatibili
A.B. 9 gennaio 2016
Le deroghe introdotte dal Governo con il decreto Mille proroghe sui limiti alle emissioni industriali delle centrali elettriche non riguardano la centrale Sulcis Grazia Deledda
Sulcis, tra ambiente, industria ed energie compatibili


PORTOVESME - Le deroghe introdotte dal Governo con il decreto Mille proroghe sui limiti alle emissioni industriali delle centrali elettriche non riguardano la centrale Sulcis Grazia Deledda. In queste ore, gli uffici dell’Assessorato Regionale dell’Industria hanno approfondito l’argomento. Le deroghe non riguardano l'impianto di Portovesme, in quanto quest’ultimo, già dal 2014, rispetta i nuovi valori previsti dalla normativa europea sulle emissioni industriali.

«Si tratta di una buona notizia – ha dichiarato l’assessore regionale dell’Industria Maria Grazia Piras – che testimonia come la Regione sia in prima linea per garantire che la produzione energetica e industriale e la sostenibilità ambientale viaggino di pari passo. Lo prevede anche il Piano Energetico Ambientale Regionale, ormai prossimo all'emanazione, che traccia una progressiva decarbonizzazione della Sardegna, compatibile con il mantenimento e lo sviluppo di occupazione e nuove iniziative industriali». Per quanto riguarda il complesso industriale Saras di Sarroch, dove insiste la centrale Sarlux, dalle verifiche fatte risulta che il complesso stesso è costantemente al di sotto dei limiti dell’autorizzazione integrata ambientale.

Nella foto: l'assessore regionale Maria Grazia Piras
Commenti
18:19
«Stiamo investendo moltissimo nei territori», ha dichiarato in materia di programmazione territoriale l´assessore regionale della Programmazione Raffaele Paci
19:00
Calato il sipario sull’ultima incursione dell’Eni nel Consiglio Comunale di Porto Torres, soggiunge il momento delle riflessioni e, per chi di competenza, quello delle considerazioni e prese d’atto. Da osservatore esterno, che ha seguito tutto il dibattito dallo schermo di un computer, quanto è andato in onda nella sede istituzionale della nostra città, fa rivivere, anche se in chiave moderna, la “calata alla Marinella” alla fine degli anni ’50 dell’ingegnere Nino Rovelli
© 2000-2018 Mediatica sas