Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter Alguer.cat
Cagliari OgginotiziecagliariAmbienteSicurezza › I tedeschi lasciano Decimomannu. Salta l´accordo su gestione a metà
S.A. 25 gennaio 2016
Dopo i Canadesi, gli Statunitensi, gli Inglesi, ora abbandonano lo scalo, utilizzato per i cicli addestrativi dei piloti, anche i Tedeschi ripartiranno verso la Germania dopo 57 anni trascorsi nella base
I tedeschi lasciano Decimomannu
Salta l´accordo su gestione a metà


DECIMOMANNU - L'aviazione militare della Germania, la Luftwaffe, lascerà la base aerea di Decimomannu entro l'anno, se non vi saranno accordi politici dell'ultimo momento. Dopo i Canadesi, gli Statunitensi, gli Inglesi, ora abbandonano lo scalo, utilizzato per i cicli addestrativi dei piloti, anche i Tedeschi ripartiranno verso la Germania dopo 57 anni. E' stato in bilico negli ultimi mesi l'accordo tecnico tra la Lutwaffe tedesca e l'Aeronautica Militare Italiana sulla gestione al 50% dell'aeroporto militare e del poligono di Capo Frasca a causa del prolungamento del periodo di chiusura del poligono.

Oggi la struttura viene mantenuta economicamente con la suddivisione al 50% delle spese fra Ami e Luftwaffe che nel settembre 2009 avevano rinnovato, alla presenza degli allora sottosegretari della Difesa italiano, Giuseppe Cossiga, e tedesco, Rudiger Wolf, l'accordo che estendeva per tre anni la collaborazione fra i Paesi. Una intesa internazionale rinnovata ai più alti livelli nel febbraio 2013, per l'utilizzo delle strutture del Reparto sperimentale e di standardizzazione al tiro aereo (Rsst).

Ora l'accordo è arrivato al capolinea con i conseguenti problemi di gestione economica, che ricadranno totalmente sull'Italia, e di contrazione di personale. Una situazione che si era già vissuta, ma non così pesantemente, nel 1998 quando rimasero sulla base solo Ami e Luftwaffe dopo l'abbandono della Gran Bretagna, con la Royal Air Force (Raf), in Sardegna da 26 anni. Allora la ripartizione delle spese era al 45% a carico della Luftwaffe, 25% per la Raf mentre e 30% per l'Ami.
Commenti
0:10
Non approderà più domani pomeriggio a Porto Torres la nave con a bordo i quasi 600 migranti soccorsi nei giorni scorsi a largo delle coste libiche. Riunione operativa al Coc allla presenza dell’assessore dell´Igiene e Sanità Arru, dell’assessore con delega alla protezione civile Spano e del Prefetto di Sassari Giardina
28/5/2016
Questa mattina, la Guardia Costiera e la sezione locale della Lega Navale Italiana hanno organizzato la manifestazione nel porticciolo oristanese
28/5/2016
Incontro Coc di Porto Torres con l’Assessore regionale dell´Igiene e Sanità e dell´Assistenza sociale Luigi Arru e il prefetto di Sassari Pietro Giardina
28/5/2016
La manifestazione, tradizionale appuntamento annuale, è nata su iniziativa della Presidenza Nazionale della Lega Navale, ed è organizzata in collaborazione con il Comando Generale delle Capitanerie di Porto–Guardia Costiera
27/5/2016
Con i bandi sarebbero arrivati a Cagliari fondi del Ministero, che avrebbero creato posti di lavoro, professionalità ed avrebbero inserito i migranti appieno nella nostra vita sociale ed economica
27/5/2016
«Annunciamo che saremo presenti nei Porti del Nord Sardegna previsti per lo sbarco durante l’arrivo degli extracomunitari e non mancherà la nostra battaglia per la difesa dei nostri confini», dichiarano i coordinatori provinciali di Sassari e della Gallura, Luigi Todini e Dario Giagoni
27/5/2016
Riduzione delle rapine dell´8%, il 10 per cento in meno di furti e 22 per cento in meno di danneggiamenti; 320 persone arrestate e 1662 denunciate. Sono alcuni dei numeri di un anno di attività della Polizia di Stato nella provincia di Cagliari
27/5/2016
I numeri di un anno di attività della Polizia di Stato in provincia di Nuoro illustrati nel corso della cerimonia per il 164/o anniversario di fondazione. Le parole del Questore Fassari
© 2000-2016 Mediatica sas