Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter Alguer.cat
Cagliari OgginotiziecagliariCulturaUniversità › I rappresentanti del Nobel per la pace 2015 a Cagliari
A.B. 29 gennaio 2016
«Università fondamentali per costruire la pace», è stato dichiarato. I temi della pace e del dialogo al centro dell’incontro tra i rettori dei due atenei sardi ed i rappresentanti del quartetto per il dialogo nazionale tunisino. Il ruolo della cultura per la costruzione della pace. Cresce l’intesa con le università di Tunisi e Cartagine
I rappresentanti del Nobel per la pace 2015 a Cagliari


CAGLIARI - «Bisogna mettersi insieme per costruire un mondo migliore. Oggi il 20percento della popolazione mondiale possiede l’80percento della ricchezza del pianeta, e 2miliardi di persone vivono con meno di un dollaro al giorno: con questi numeri è difficile costruire la pace, che dobbiamo sforzarci di continuare a coltivarla. Occorre condividere i valori della cultura e della scienza, non i disvalori della guerra e dell’odio. Questa è la lezione del Quartetto, che ha saputo dare un senso alla rivoluzione tunisina: festeggiare la vita, non la morte». Lo ha detto questa mattina (venerdì) il rettore dell’Università di Tunisi Hmaid Ben Aziza, durante l’incontro tra i rettori dei due atenei sardi e il “Quartetto per il dialogo nazionale tunisino”, costituito dai rappresentanti delle organizzazioni insignite del Nobel per la Pace 2015 per aver favorito il dialogo tra le forze politiche negli anni delle tensioni politiche che ancora caratterizzano l’area nordafricana.

«Rappresentate un Nobel molto importante per l’umanità – li ha salutati il rettore di Cagliari Maria Del Zompo – doppiamente significativo per un Paese come il vostro che ha saputo portare avanti un dialogo tenace pur in una situazione politica complessa». All’incontro, terminato nella tarda mattinata, hanno partecipato anche i prorettori dell’Università di Cagliari Francesco Mola e Micaela Morelli, una rappresentanza dell’ateneo sassarese, il segretario generale di Unimed Franco Rizzi ed il rappresentante della Fondazione Banco di Sardegna Carlo Salis. Grande interesse hanno suscitato gli interventi di Aide Esu e Daiana Angela Langone, docenti dell’Università di Cagliari: «Far crescere cittadini consapevoli con un pensiero critico – ha detto Esu, che ha parlato dell’esperienza accademica in supporto dei processi democratici – è l’unica possibilità di far crescere un Paese libero», mentre Langone (che ha ricordato l’indimenticato Radouan Ben Amara, docente del Ateneo cagliaritano scomparso qualche tempo fa) si è soffermata sul legame tra Sardegna e Tunisia. Anche dal rettore di Sassari Massimo Carpinelli sono giunte parole di grande ammirazione al Quartetto «per quello che siete e quello che fate: iniziative come questa sono un aiuto concreto verso un’integrazione culturale forte, patrimonio dei nostri popoli». Per l’Università di Sassari, sono intervenuti anche lo storico e rettore emerito Attilio Mastino, che ha ricordato le collaborazioni dell’ateneo turritano con i centri di ricerca tunisini, e Luciano Gutierrez, prorettore all’internazionalizzazione ha spiegato l’attività del Nucleo di ricerca sulla desertificazione.

Rizzi, ha poi sottolineato il peggioramento delle condizioni geopolitiche dei Paesi che si affacciano sul Mediterraneo e il timore che possano crearsi pericolose contrapposizioni. «Quella di oggi – ha spiegato – è la possibilità concreta di far riferimento alla cultura come fattore di sviluppo e di dialogo. L’esperienza in atto con gli atenei sardi con il sostegno della Fondazione Banco di Sardegna è unica perché offre una insostituibile possibilità di costruzione della pace». Parole condivise da Hmaid Ben Aziza, che ha parlato del grido di libertà della rivoluzione tunisina. Tahri Sami (secrétaire général adjoint chargé du presse) ha aggiunto, che «il mondo dell’università è fondamentale, perché la cultura può cambiare il mondo. La nostra è una realtà composita fatta di lavoratori di differenti enti, operai, ma anche dipendenti delle università. Gli atenei non possono certo vivere in una bolla di cristallo, ma devono continuare a incentivare gli scambi culturali tra Paesi». Del lavoro fatto sulle dinamiche sociali ha parlato Lassaad el Asmi, rettore dell’Università di Cartagine. L’incontro si è concluso con la visita alla Sala settecentesca della Biblioteca universitaria ed alle sale del Rettore di Palazzo Belgrano.
Commenti
25/7/2016
Prevista per giovedì, alle ore 11, la firma del protocollo tra il rettore Maria Del Zompo ed il sindaco Massimo Zedda, che terranno una conferenza stampa nella Cava romana di Cagliari
25/7/2016
Il primo master di questo genere organizzato in Sardegna, dalle Università di Sassari e Cagliari, si svolgerà nel capoluogo regionale da agosto a marzo 2017
26/7/2016
Il Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Sassari si è aggiudicato il contributo economico più importante pari a oltre 4mila euro, che consentirà a 24 studenti di recarsi a Strasburgo dal 23 al 29 ottobre
26/7/2016
Il Dipartimento di Giurisprudenza ha da quest´anno introdotto nella propria offerta didattica i laboratori giuridici, finalizzati a una diversa visione dello studio del diritto
© 2000-2016 Mediatica sas