Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter Alguer.cat
Cagliari OgginotiziecagliariCronacaCronaca › Villacidro: uccise la ex, confermata condanna a 30 anni
A.B. 5 febbraio 2016
La Corte d´Assise d´Appello di Cagliari ha confermato la pena carceraria inflitta in primo grado al 37enne Giuseppe Pintus, accusato di aver ucciso l´ex fidanzata Marta Deligia, il 22 settembre 2013
Villacidro: uccise la ex, confermata condanna a 30 anni


VILLACIDRO - La Corte d'Assise d'Appello di Cagliari ha confermato la condanna a trent'anni di carcere inflitta in primo grado al 37enne Giuseppe Pintus, accusato di aver ucciso l'ex fidanzata, la 27enne Marta Deligia, il 22 settembre 2013 a Villacidro. La Corte presieduta da Grazia Corradini ha ritenuto corretta la pena decisa in primo grado dal giudice per le udienze preliminari Cristina Ornano, che aveva accolto le richieste del pubblico ministero Danilo Tronci, per omicidio volontario premeditato.

Stando all'accusa, l'imputato non si sarebbe mai rassegnato alla fine del rapporto, deciso dalla sua ex compagna, perseguitandola. Sempre secondo l'impianto accusatorio, l'omicidio avvenne al culmine di un litigio, quando il 37enne strinse col braccio il collo della fidanzata, finendo per soffocarla. I familiari, costituiti parte civile con gli avvocati Danila Anesa Melis e Rinaldo Saiu, avevano chiesto la pena dell'ergastolo per Pintus.
Commenti
9:25
Tragedia all´uscita del terminal di Alghero. Probabile arresto cardiaco per un 69enne. L´equipe della medicalizzata giunta sul posto non ha potuto far altro che constatarne il decesso
14:26
Nello scorso fine settimana, gli agenti di Polizia giudiziaria appartenenti ai Commissariati di Pubblica sicurezza di Tortolì e Lanusei e del Nucleo investigativo polizia ambientale e forestale, nel corso di un’operazione finalizzata al contrasto del fenomeno della coltivazione di sostanze stupefacenti, hanno trovato undici piante di marijuana in zona collinare nelle campagne in località Simbali
18/9/2017
L’immediato deferimento all’Autorità giudiziaria dei due è scattato perchè, verosimilmente, sono stati fermati poco prima della commissione di reati di natura predatoria
© 2000-2017 Mediatica sas