Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter Alguer.cat
Cagliari OgginotiziecagliariPoliticaSanità › Peste suina: 50milioni per il settore suinicolo
A.B. 13 febbraio 2016
«Sconfiggere la peste suina per liberare il potenziale delle zone interne» è l´obbiettivo annunciato dal presidente della Regione Autonoma della Sardegna Francesco Pigliaru
Peste suina: 50milioni per il settore suinicolo


CAGLIARI - «E' necessario coordinarci, fare rete, per diffondere il turismo dalla costa fino alle zone dall'interno, che hanno un grandissimo potenziale. Sappiamo che sono moltissimi i turisti interessati a visitare l'interno della Sardegna e a conoscere i nostri prodotti. Ma se poi non riusciamo a sconfiggere la peste suina, di cosa stiamo parlando? Non esiste». Lo ha detto questa mattina (sabato), il presidente della Regione Autonoma della Sardegna Francesco Pigliaru, rispondendo alle domande dei giornalisti a margine dell'intervento sul palco del Sardinian Job Day Turismo, ospitato alla Fiera di Cagliari.

«Abbiamo bisogno di una grande azione collettiva per liberare le risorse che ci sono nell'interno, e sono tante - ha proseguito Pigliaru - Se continuiamo a dare spazio a persone che vogliono vivacchiare nell'illegalità tenendo in ostaggio un intero settore, allora non andiamo da nessuna parte. Vogliamo che i turisti vengano qui e vadano verso l'interno magari proprio perché lì si mangia il prosciutto più buono del mondo. Dobbiamo farlo e dobbiamo farlo tutti insieme». La Regione procede ferma sulle sue decisioni sul fronte della lotta alla peste suina africana, senza arretramenti, per sconfiggere definitivamente la malattia attraverso azioni programmate da tempo e dando attuazione al piano di eradicazione affidato all’Unità di progetto e rilanciare l'intero comparto suinicolo. Sono disponibili oltre 50milioni di euro per il settore, nell’ambito della Misura 14 del Benessere degli animali inserita nel nuovo Programma di sviluppo rurale. Risorse consistenti, che possono essere utilizzate da tutte le aziende che rispettano le norme di legge.

Sono due le condizioni per poter beneficiare delle risorse destinate al benessere animale: rispettare le regole e sottoporsi ai controlli sanitari. Il pascolo brado (viene ricordato ancora) non è una garanzia di qualità, tutt’altro. L’animale che si muove liberamente nelle campagne non opera alcuna selezione nel momento in cui si alimenta e spesso e volentieri entra in contatto con i cinghiali, portatori in diversi casi della Psa. Occorre, quindi, superare l’errata convinzione che il pascolo brado sia da associare a buone pratiche. Chi viola la legge, ribadisce l’Udp, arreca un danno a tutto il comparto, perché impedisce lo sblocco definitivo dell’embargo delle carni suinicole sarde, con una gravissima limitazione per le aziende virtuose. Inoltre, l’Unità di progetto sottolinea che attribuire responsabilità ai sindaci per le azioni messe in campo dalla Regione è sbagliato ed ingiusto: gli amministratori non conoscono quando e dove la task force opererà e non possono in alcun modo impedirne l’intervento. Dagli amministratori del territorio è da attendersi un segnale chiaro di rispetto delle regole.
Commenti
22/7/2016
«Il mancato pagamento delle prestazioni dell’Aias da parte delle aziende sanitarie regionali sta creando sconcerto e sconforto in 1240 dipendenti qualificati che lavorano nelle 43 strutture regionali e che aspettano cinque mensilità di retribuzione», dichiara Marco Tedde, vicecapogruppo di Forza Italia in Consiglio Regionale
22/7/2016
Nel giro di qualche settimana la rete sarà costituita dai presidi di soccorso e in totale da 11 defibrillatori posizionati in punti strategici della città e delle frazioni
22/7/2016
L´isola è la prima ad aver recepito l’intesa della Conferenza delle Regioni sui percorsi diagnostici terapeutici assistenziali per persone con malattie infiammatorie croniche dell´intestino e malattie reumatiche infiammatorie ed autoimmuni
22/7/2016
Quella che era una bandiera della giunta regionale è ormai un drappo lacerato dalla guerra tra le comari eccellenti del PD sardo e del centro-sinistra in generale. Si mira solo a porre il sistema sanitario sotto uno stretto controllo delle camarille politiche, con il copia e incolla di un modello già sperimentato e fallito in altre Regioni
22/7/2016
Quanti, al 31 dicembre 2015, erano in possesso del riconoscimento di handicap grave, potranno inoltrare istanza per la predisposizione di un piano personalizzato di sostegno
© 2000-2016 Mediatica sas