Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter Alguer.cat
Cagliari OgginotiziecagliariPoliticaSanità › Peste suina: 50milioni per il settore suinicolo
A.B. 13 febbraio 2016
«Sconfiggere la peste suina per liberare il potenziale delle zone interne» è l´obbiettivo annunciato dal presidente della Regione Autonoma della Sardegna Francesco Pigliaru
Peste suina: 50milioni per il settore suinicolo


CAGLIARI - «E' necessario coordinarci, fare rete, per diffondere il turismo dalla costa fino alle zone dall'interno, che hanno un grandissimo potenziale. Sappiamo che sono moltissimi i turisti interessati a visitare l'interno della Sardegna e a conoscere i nostri prodotti. Ma se poi non riusciamo a sconfiggere la peste suina, di cosa stiamo parlando? Non esiste». Lo ha detto questa mattina (sabato), il presidente della Regione Autonoma della Sardegna Francesco Pigliaru, rispondendo alle domande dei giornalisti a margine dell'intervento sul palco del Sardinian Job Day Turismo, ospitato alla Fiera di Cagliari.

«Abbiamo bisogno di una grande azione collettiva per liberare le risorse che ci sono nell'interno, e sono tante - ha proseguito Pigliaru - Se continuiamo a dare spazio a persone che vogliono vivacchiare nell'illegalità tenendo in ostaggio un intero settore, allora non andiamo da nessuna parte. Vogliamo che i turisti vengano qui e vadano verso l'interno magari proprio perché lì si mangia il prosciutto più buono del mondo. Dobbiamo farlo e dobbiamo farlo tutti insieme». La Regione procede ferma sulle sue decisioni sul fronte della lotta alla peste suina africana, senza arretramenti, per sconfiggere definitivamente la malattia attraverso azioni programmate da tempo e dando attuazione al piano di eradicazione affidato all’Unità di progetto e rilanciare l'intero comparto suinicolo. Sono disponibili oltre 50milioni di euro per il settore, nell’ambito della Misura 14 del Benessere degli animali inserita nel nuovo Programma di sviluppo rurale. Risorse consistenti, che possono essere utilizzate da tutte le aziende che rispettano le norme di legge.

Sono due le condizioni per poter beneficiare delle risorse destinate al benessere animale: rispettare le regole e sottoporsi ai controlli sanitari. Il pascolo brado (viene ricordato ancora) non è una garanzia di qualità, tutt’altro. L’animale che si muove liberamente nelle campagne non opera alcuna selezione nel momento in cui si alimenta e spesso e volentieri entra in contatto con i cinghiali, portatori in diversi casi della Psa. Occorre, quindi, superare l’errata convinzione che il pascolo brado sia da associare a buone pratiche. Chi viola la legge, ribadisce l’Udp, arreca un danno a tutto il comparto, perché impedisce lo sblocco definitivo dell’embargo delle carni suinicole sarde, con una gravissima limitazione per le aziende virtuose. Inoltre, l’Unità di progetto sottolinea che attribuire responsabilità ai sindaci per le azioni messe in campo dalla Regione è sbagliato ed ingiusto: gli amministratori non conoscono quando e dove la task force opererà e non possono in alcun modo impedirne l’intervento. Dagli amministratori del territorio è da attendersi un segnale chiaro di rispetto delle regole.
Commenti
8:47
Il Comune partecipa all´indagine che coinvolge numerose scuole superiori a livello nazionale. Le informazioni saranno raccolte fino a novembre attraverso la compilazione di un questionario on-line da parte di un campione di circa 15mila studenti in tutta Italia, tra cui anche quelli sassaresi. Una sintesi dei risultati dello studio sarà pubblicata nel sito internet dell’Istituto superiore di Sanità
17/10/2017
L´istituzione del Presidio di Primo Livello per Alghero-Ozieri nel 2018, solo dopo la realizzazione della Rianimazione non piace al Forza Italia. Conferenza stampa di Sandro Farina con Marco Tedde
15/10/2017
Il circolo di Alghero di Sinistra Italiana prende atto che il Consiglio Regionale ha iniziato una interlocuzione con le comunità e con i cittadini sardi, recependo alcune proposte di modifica della rete ospedaliera. Di seguito la lettera aperta del Circolo Ribelle
© 2000-2017 Mediatica sas