Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter Alguer.cat
Cagliari OgginotiziecagliariCronacaDisabili › «Immigrato tutelato, disabile condannato»
Red 26 febbraio 2016
Nuova manifestazione di protesta a Cagliari del gruppo politico di estrema destra, Forza Nuova. Striscioni contro gli immigrati e la mancata cura dei disabili
«Immigrato tutelato, disabile condannato»


CAGLIARI - Striscioni riportanti lo slogan "immigrato tutelato, disabile condannato" sono stati affissi dal gruppo politico di estrema destra Forza Nuova in molte parti d'Italia, tra cui Cagliari. «Manifestazione di protesta che prende spunto dalla conclamata realtà in atto, che vede uno stato di diritto prendersi carico di ogni qualsivoglia fabbisogno dei dichiarati o presunti “profughi”, lasciando di fatto in balia delle più bieche rimostranze della mancanza istituzionale i cittadini Italiani portatori di handicap, giustificando tali omissioni con presunte carenze economiche, tuttavia non riscontrate nel “business dell’immigrazione” sostenuto dai cospicui fondi elargiti dalla Comunità Economica Europea».

L’Italia è il secondo Paese con la più alta remunerazione dal fondo per l'asilo e l'integrazione degli stranieri (A.M.I.F.) - ricordano da Forza Nuova - per il quale ogni singolo paese direttamente coinvolto è chiamato a documentare gli investimenti necessari, venga allora documentata la drastica disapplicazione di quanto sottoscritto in materia di rispetto dei diritti dei cittadini con disabilità e tali fondi siano in primis investiti per l’abbattimento di queste “barriere comportamentali”.

Forza Nuova tramite il Dipartimento Disabilità auspica l«a fine di questo raggiro politico a scapito del Popolo Italiano, affinché i cospicui fondi economici elargiti dalla CEE vengano in primis devoluti per il rispetto di quanto legiferato nel nostro paese». L'iniziativa è stata svolta anche in Sardegna, con l'affissione dello striscione sul tema della disabilità a Decimomannu (CA) in via delle Aie, nei pressi della struttura AIAS (nella foto).
Commenti
© 2000-2016 Mediatica sas