Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter Alguer.cat
Cagliari OgginotiziecagliariPoliticaPolitica › Finanziaria 2016: Paci soddisfatto
A.B. 3 marzo 2016
«Azzerato l´aumento delle tasse e garantito il sociale. Grande sforzo insieme al risanamento della sanità», ha dichiarato il vicepresidente della Regione Autonoma della Sardegna, dopo l´ok della Commissione
Finanziaria 2016: Paci soddisfatto


CAGLIARI - «È una Finanziaria molto impegnativa, e sono soddisfatto, perché in Commissione abbiamo risolto due questioni estremamente importanti, congelato l'aumento delle tasse con 70milioni e rifinanziato interamente, con oltre 30milioni, il fondo per le politiche sociali. Se a questo aggiungiamo i 330milioni in più che abbiamo stanziato per accompagnare il piano di rientro dal debito in sanità, è evidente lo sforzo finanziario fatto finora». Questa la prima dichiarazione dell'assessore regionale della Programmazione e del Bilancio Raffaele Paci subito dopo l'approvazione della manovra finanziaria nella terza Commissione Bilancio del Consiglio Regionale.

«Ci sono ancora circa 15milioni su cui ragionare, e sulle priorità siamo tutti d'accordo: sicuramente lavoro, ma anche sociale, istruzione e cultura. Adesso utilizzeremo i dieci giorni che la legge prevede per la trasmissione dei documenti ai consiglieri e la stesura delle relazioni, prima dell'inizio dei lavori in Aula, per cercare una sintesi, confrontandoci all'interno della Maggioranza, ma anche con la Minoranza, perché è giusto su un argomento così importante, per i sardi e la Sardegna, tenere conto di tutte le sensibilità che emergono. Voglio però ricordare - sottolinea il vicepresidente della Regione - che tutte le altre politiche e parlo di ambiente, lavoro, imprese, agricoltura, trasporti, istruzione, quest'anno hanno avuto incrementi rispetto allo scorso anno: non ci sono stati assolutamente tagli lineari». Nonostante la necessità di una decisa spending review per il risanamento del debito in Sanità, gli investimenti nelle politiche di crescita della Regione restano infatti importanti e procedono sul doppio binario dei fondi del Bilancio e della Programmazione Unitaria, con oltre un miliardo di finanziamenti europei disponibili, fondi che vanno spesi presto e bene non in alternativa ma contemporaneamente a quelli regionali.

Complessivamente, per l'Istruzione nel 2016 sono disponibili 252milioni, 212 per il Lavoro, 512 per la Competitività del sistema produttivo, 398 per la Protezione dell'Ambiente, 512 per Infrastrutture ed Agenda Digitale e 538 per la Mobilità. «È chiaro che a questo punto non ci sono più grandi risorse disponibili. Perché i vincoli di bilancio esistono, esistono per tutti e tutti li devono rispettare a partire dal singolo individuo con le sue finanze personali fino alla Pubblica amministrazione. La Manovra 2016 è dunque un intervento complesso che darà un forte impulso alla ripresa della domanda interna e al rilancio degli investimenti delle imprese, segnando allo stesso tempo una svolta nel controllo dei conti nella Sanità. Mi auguro - conclude l'assessore Paci - che ora il Consiglio, che sulla Finanziaria ha comunque l'ultima parola, approvi rapidamente un documento così importante per dare alla Sardegna le risposte che attende in un momento così importante di ripresa dell'economia e del lavoro».

Nella foto (della Regione Sardegna): l'assessore regionale Raffaele Paci
Commenti
9:18
La sezione sassarese di CasaPound Italia interviene in merito «al totale degrado in cui versa Piazzale Segni, vetrina dei maggiori eventi sportivi e culturali cittadini»
27/6/2016
E’ assurdo che ogni decisione venga calata dall’alto, da Roma, lasciando poi alle comunità, alle Forze dell’ordine, ai volontari il compito di arrangiarsi di fronte ad un fenomeno di proporzioni gigantesche
25/6/2016
Dal Regno Unito, un sogno, un progetto della mia generazione e prima di Spinelli (e ancora prima di Churchill), che ha dato all’Europa 70 anni di pace, spazzato in una notte da un voto popolare. I vecchi hanno deciso il futuro dei giovani. Ci sarà da ricostruire. E da riflettere
© 2000-2016 Mediatica sas