Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter Alguer.cat
Cagliari OgginotiziecagliariPoliticaRegione › Fibra ottica in 313 comuni, si parte
A.B. 12 marzo 2016
Nelle prossime settimane, in 313 Comuni della Sardegna, avranno inizio i lavori per realizzare le infrastrutture necessarie ad assicurare a cittadini e imprese, grazie alla fibra ottica, la connettività ad alta velocità a cittadini ed imprese
Fibra ottica in 313 comuni, si parte


CAGLIARI - Al via due interventi inseriti nella strategia dell’Agenda Digitale della Sardegna promossa dalla Giunta Regionale. Verranno realizzate, in molti Comuni dell’Isola, le infrastrutture necessarie per la diffusione della banda ultralarga e nuove reti di videosorveglianza. Le novità sono state illustrate nel corso di una conferenza stampa in cui sono intervenuti il presidente della Regione Francesco Pigliaru, gli assessori degli Affari generali Gianmario Demuro e dell’Agricoltura Elisabetta Falchi e, in rappresentanza del Ministero dello Sviluppo economico, Alessio Beltrame (capo della segreteria del sottosegretario Antonello Giacomelli) e Salvo Lombardo (amministratore delegato di Infratel). Nelle prossime settimane, in 313 Comuni, avranno inizio i lavori per realizzare le infrastrutture necessarie ad assicurare a cittadini e imprese, grazie alla fibra ottica, la connettività ad alta velocità a cittadini ed imprese. Si tratta dei Comuni che ricadono nelle aree rurali in cui, in assenza di interesse da parte degli operatori privati, interviene la Regione con risorse pubbliche. La rete sarà dunque di proprietà della stessa Regione che con i ricavi legati alla gestione degli impianti, da parte degli operatori privati, potrà far fronte ai costi della manutenzione.

«Siamo molto soddisfatti per le modalità e i tempi con cui ci siamo impegnati su questa infrastruttura che è al contempo investimento materiale e immateriale e costituisce un diritto di cittadinanza e un ammodernamento fondamentale - ha dichiarato Pigliaru - La banda ultralarga, come altre politiche che abbiamo messo in campo, è anche una misura importante contro lo spopolamento e infatti la stiamo implementando in particolare nei Comuni rurali e nelle zone interne. Per tenere una popolazione diffusa come quella sarda serve dare servizi, sicurezza e maggiore garanzia di legalità ai nostri territori. E questo lo facciamo ricomprendendo nell’Agenda Digitale l’intervento per la videosorveglianza. Ma serve anche - ha aggiunto il governatore della Sardegna - preservare e valorizzare, con gli strumenti della contemporaneità, cultura, identità e le nostre produzioni, in particolare l’agroalimentare, che è in grado oggi, grazie alla tecnologia, di mettere in contatto diretto, attraverso Internet, produttori e consumatori, saltando tutti gli stati di intermediazione e portando nei territori molto più valore, senza dispersioni». L’intervento, per una spesa di 56milioni di euro (fondi Feasr), riguarda 507577 cittadini e 278768 unità immobiliari. Adottando la metodologia della programmazione unitaria, l’Esecutivo regionale ha destinato consistenti risorse, provenienti da diverse fonti di finanziamento, alla realizzazione delle nuove infrastrutture. L’orizzonte temporale dell’Agenda Digitale è quello del 2020. Entro quella data, la Giunta vuole raggiungere due obbiettivi: garantire in tutto il territorio, a famiglie ed imprese, con la banda ultralarga, connessioni Internet a 30Mbps ed avere l’85percento della popolazione con una connessione a 100Mbps.

I lavori, in base al cronoprogramma di Infratel (società in house del Ministero dello Sviluppo economico), devono essere conclusi entro giugno 2017, ma i tempi, in molti Comuni, potrebbero accorciarsi, se venissero rapidamente concesse le necessarie autorizzazioni. «Per questo – ha sottolineato Demuro – la Giunta chiede ai sindaci di agevolare l’iter dei procedimenti amministrativi e delle relative autorizzazioni per facilitare la realizzazione delle opere e ridurre i costi. È stato un lavoro interassessoriale che ha coinvolto gli Affari generali e l’Agricoltura. Voglio ringraziare gli uffici della Direzione degli Affari generali e della società dell’innovazione per l’attività svolta». Nel corso dei lavori per la realizzazione delle reti in fibra ottica verranno attuate tecniche di scavo non invasive «per preservare la sede stradale e garantire la sicurezza della circolazione». «Siamo contenti che il progetto sia diventato operativo in poco tempo, mettendo a frutto anche il lavoro che è stato fatto in questi ultimi mesi dal nostro Assessorato per portare la banda ultralarga nelle zone rurali della Sardegna. È stata tempestiva la rimodulazione dei fondi della vecchia programmazione per poter anticipare il progetto e raggiungere con tempistiche rapide obiettivi che ci eravamo fissati per la nuova programmazione – ha dichiarato Falchi – Siamo poi particolarmente soddisfatti anche per la scelta di agevolare i Comuni nei passaggi burocratici per l’avvio dei lavori. Entro l’estate 2017, le aree rurali e le imprese agricole sarde entreranno a pieno titolo nel Ventunesimo Secolo: l’inizio di un nuovo capitolo per le nostre aziende e un passaggio fondamentale per lo sviluppo di una agricoltura sarda moderna e innovativa, obiettivo strategico di questa Giunta». Alessio Beltrame e Salvo Lombardo hanno messo in evidenza la capacità della Sardegna di utilizzare velocemente le risorse disponibili per le nuove reti in fibra ottica, «in anticipo rispetto alle altre regioni italiane». «La Giunta guidata da Francesco Pigliaru – ha spiegato l’assessore Demuro – ha inserito il progetto sulla videosorveglianza, che ha una lunga gestazione, nella strategia dell’Agenda Digitale, con il conseguente stanziamento di maggiori risorse, da 4 milioni 500 mila euro a 7 milioni 150 mila euro. È stato così ampliato il numero dei Comuni beneficiari. Sono stati ammessi al finanziamento tutti i Comuni che, in una prima fase, che, pur considerati idonei in base al punteggio, non erano stati presi in considerazione a causa delle risorse limitate».

Nella foto: la presentazione di venerdì
Commenti
11:54
Prosegue l´effetto No referendario sulla Giunta Pigliaru. Dopo le dimissioni di ieri da parte dell´assessore alle Riforme Gianmario Demuro, questa mattina sono state rassegnate anche quelle della delegata al´Agricoltura
19:16
Il presidente della Regione Autonoma della Sardegna ha avocato a se le deleghe agli Affari Generali ed all´Agricoltura
6/12/2016
È crisi in Regione: Gianmario Demuro si è dimesso da assessore alle Riforme, al Personale e agli Affari generali. L’addio è arrivato nello stesso giorno in cui i RossoMori hanno deciso di uscire dalla maggioranza
6/12/2016
Si sblocca così un lungo braccio di ferro che andava avanti da settimane, minando i lavori del consiglio regionale e i rapporti all´interno della maggioranza. Di seguito tutti i componenti
© 2000-2016 Mediatica sas