Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter Alguer.cat
Cagliari OgginotiziecagliariSpettacoloCinema › A Cagliari è tempo di Bioethic Vision | Vd
A.B. 17 marzo 2016 video
Domani, verrà proiettato per la prima volta il mediometraggio del regista sassarese Tore Manca, con le musiche originali di Machina Amniotica
A Cagliari è tempo di Bioethic Vision | Vd


CAGLIARI - «In principio la parola, che è assordante, poi il rumore, che si fa orizzonte del mondo, unendosi poi con l'armonia, l'elettronica, la transizione». Machina Amniotica, dal 1994 progetto di performances di poesia, installazioni multimediali, concerti, e gruppo storico di riferimento della scena musicale in Sardegna, prosegue nella sua ricerca, nel suo obbiettivo, lo stesso da più di venti anni: «esplorare, formare, fondare il nostro mondo come in una corsa su un piano inclinato. Salendo o sprofondando, come in una immagine capovolta».

Materia densa, viva, e flutto continuo delle idee che stavolta confluiscono nella realizzazione della colonna sonora del mediometraggio di video-arte “Bioethic Vision-experimental film”, di Tore Manca, regista, produttore e videoartista, tra i più rappresentativi videopoeti italiani. Domani, venerdì 18 marzo, il film, musicato dal gruppo cagliaritano, sarà presentato per la prima volta dal regista sassarese al pubblico di Cagliari, alla Cineteca Sarda, alle ore 19.30: un appuntamento inserito nella rassegna cinematografica “Lo sguardo e la memoria-immagini e tracce di identità nei racconti dei sardi”, organizzata dalla Società Umanitaria.

L'opera, prodotta dallo stesso autore (Mater-ia.org, 2015) in co-produzione con Hiora, vede la partecipazione degli attori-performer Hiora, Bruno Petretto, la danzatrice Daniela Tamponi (diploma all'Imperial Society Teachers of Dancing di Londra), Marco Sanna/Meridiano Zero Woman’s body Animals and Nature Minerals. «Bioethic Vision è una ricerca sull'immagine concreta, sul video, sul suono. Una ricerca che mi ha portato ad osservare la natura, riprenderla e registrarla senza paura di confondermi ma confrontandomi e riconoscendo in essa, la mia identità di uomo», spiega l'autore nella sua scheda di presentazione. Quadri minimali dalla forza visiva dirompente che si fondono con effetto di grande intensità alle frequenze profonde delle musiche originali di Machina Amniotica.
Commenti

27/8/2016
Il 30 e 31 agosto e poi il 6 settembre sulla banchina del porto Minori
26/8/2016
La manifestazione, ospite della splendida cittadina di Bosa per il secondo anno consecutivo, è una sezione del Sardinia Film Festival, il premio internazionale per cortometraggi nato nel 2006 e organizzato dal Cineclub Sassar
© 2000-2016 Mediatica sas