Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter Alguer.cat
Cagliari OgginotiziecagliariPoliticaRegione › Consulta boccia Finanziaria 2016
Red 12 gennaio 2017
La norma censurata prima dal Cdm e ora bocciata anche dalla Corte Costituzionale, riguarda la copertura del disavanzo tecnico di -31,5 milioni di euro prevista nella legge di Bilancio della Regione
Consulta boccia Finanziaria 2016


CAGLIARI - La Finanziaria 2016 della Regione Sardegna bocciata dalla Corte Costituzionale. La Consulta era chiamata a decidere sul ricorso del Governo riguardante un solo articolo della legge 6 di stabilità, la Consulta ha infatti dichiarato l'illegittimità di tutto il provvedimento legislativo varato lo scorso anno, estendendo così la censura dal solo articolo 3, "in considerazione dell'inscindibile connessione esistente tra la norma impugnata e la struttura dei bilanci annuale e pluriennale".

La norma censurata prima dal Cdm e ora bocciata anche dalla Corte Costituzionale, riguarda la copertura del disavanzo tecnico di -31,5 milioni di euro prevista nella legge di Bilancio della Regione sulla base dell'introduzione del bilancio armonizzato. Secondo i giudici costituzionali, l'utilizzo del disavanzo tecnico «costituisce una tassativa eccezione alla regola del pareggio di bilancio ed, in quanto tale, risulta di strettissima interpretazione ed applicazione». La Corte ritiene che è «uno sbilanciamento così grave da legittimare la chiusura in passivo del primo bilancio di previsione successivo al riaccertamento straordinario è quasi sempre eziologicamente collegato all'incapacità mostrata in passato dall'ente territoriale nella riscossione delle proprie entrate».

La censura della Corte Costituzionale sulla Finanziaria 2016 non annulla l'intero provvedimento, come ha spiegato anche l'assessore della Programmazione Raffaele Paci, ma riguarda le parti di tutta la legge nella quale «si applica al bilancio 2016 l'istituto del disavanzo tecnico». I giudici precisano che tutte le somme "eccedenti per euro 31.553.438,75 rispetto alle risorse effettivamente disponibili" vengono fatte salve. Nel frattempo, però, è già scontro sull'esercizio provvisorio di questi primi mesi del 2017. Forza Italia ha chiesto in Aula le dimissioni di Paci e minaccia di non partecipare al voto se non ci saranno chiarimenti sulle censure della Consulta in merito alla Finanziaria 2016. I toni in Consiglio non si abbassano nonostante la replica dell'assessore, nonchè vicepresidente della Giunta.
Commenti
23/6/2017
L´assessore regionale degli Enti locali, nel suo intervento al convegno internazionale in corso di svolgimento nell´isola gallurese, ha auspicato una «collaborazione con l’Agenzia del Demanio per valorizzare i beni»
22/6/2017
Se vogliamo nuove infrastrutture e nuova qualità anche nella vitale materia dei Trasporti, dobbiamo cogliere ogni opportunità perché le ragioni della Sardegna siano ben presenti alle Istituzioni nazionali ed internazionali
22/6/2017
Si scontrano quotidianamente con la necessità di spostarsi e con la difficoltà di trovare un volo piuttosto che una nave che con prezzi ragionevoli consenta loro di attraversare il mare. Questo mare così bello e cristallino che fa della mia terra d´origine la prima in Italia nella classifica delle più belle spiagge della penisola, ha rappresentato da sempre un grande limite in termini di pari opportunità per i Sardi
22/6/2017
Il G7 è un evento planetario, che sia stato organizzato a Cagliari è già di per sé un risultato che offre alla città una risonanza internazionale. Ma l’ottimo lavoro di Pigliaru permette alla Sardegna, nell’intesa costruita insieme a Corsica e Baleari, di porre sul tavolo il tema dello svantaggio dell’insularità e pone le premesse per ridefinire tutta la conseguente politica europea sui trasporti
22/6/2017
Ieri mattina, è stata approvata in Consiglio regionale la mozione delle opposizioni (primo firmatario Luigi Crisponi dei Riformatori sardi) sul paventato accorpamento delle Camere di commercio
© 2000-2017 Mediatica sas