Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter Alguer.cat
Cagliari OgginotiziecagliariOpinioniPoliticaRimpasto per gli assessori sbagliati
Paolo Truzzu 9 marzo 2017
L'opinione di Paolo Truzzu
Rimpasto per gli assessori sbagliati


Un rimpasto inutile e frutto delle lotte tra capibastone, che non ha nessun riguardo per le esigenze dei sardi. Pigliaru dimentica così di essere al governo da tre anni e prova a rifarsi una verginità.

Pigliaru è convinto di iniziare oggi la sua esperienza alla guida della Regione, dimenticandosi che, se pur in maniera anonima e inconsistente, è stato eletto tre anni fa e da allora dovrebbe aver iniziato l’attività politica. Invece, cambiando tre assessori, in base a diktat e a becere logiche spartitorie, pensa di far dimenticare il suo fallimento e quello del Centrosinistra tutto.

Nonostante i limiti di alcuni degli assessori destituiti, ben altri avrebbero dovuto lasciare la poltrona per manifesta incapacità, iniziando dal titolare dei Trasporti, che ha reso la Sardegna ancora più isolata, e da quello della Sanità, che ha lasciato senza guida l’intero settore di competenza. Pigliaru, indebolito dalle lotte intestine, si è piegato ai poteri forti che guidano l’Isola senza lo sforzo neanche di candidarsi, che continuano ad avere sempre più peso in una Giunta lontana dai problemi e dalle reali esigenze dei cittadini.

*consigliere regionale di Fratelli d’Italia-An
Commenti
14/12/2017 video
Emiliano Piras sceglie il Centrodestra e stoppa gli alleati di Alghero: Con Forza Italia sempre più sulle posizioni di Matteo Salvini il rischio di derive estremiste può essere arginato solo dai moderati
14/12/2017
«Come collettivo non possiamo che rilanciare l’appello di febbraio e chiedere all’Amministrazione comunale di prendere posizione, predisporre una delibera di Giunta che condizioni l’autorizzazione allo svolgimento di inziative pubbliche alla sottoscrizione di un codice etico di condotta che preveda l’adesione ai principi dell’antifascismo, antisessismo e antirazzismo», chiede il collettivo di recente formazione
© 2000-2017 Mediatica sas