Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter Alguer.cat
Cagliari OgginotiziecagliariCronacaCronaca › Malore ad un posto di blocco. 64enne muore a Cagliari
Red 16 marzo 2017
Questa mattina, durante un controllo di routine in Via Campania, un medico ha accusato una fitta al petto. Purtroppo vani i soccorsi dei militari e l´arrivo del personale medico del 118
Malore ad un posto di blocco
64enne muore a Cagliari


CAGLIARI – Tragedia questa mattina (giovedì), a Cagliari. Fermato ad un posto di blocco dei Carabinieri, in Via Campania, durante un controllo di routine, un 64enne medico, che già in passato aveva avuto problemi cardiaci, ha accusato una fitta al petto.

I militari del Nucleo Radiomobile hanno cercato di rianimarlo e hanno chiamato l'ambulanza, ma il suo cuore ha smesso di battere. Purtroppo vano l'intervento del personale medico del 118: per l'uomo non c'è stato nulla da fare.
Commenti
22:42
Un 29enne cagliaritano è stato arrestato per resistenza aggravata a pubblico ufficiale e lesioni personali e reati previsti dalla normativa sulle manifestazioni sportive
17:56
Circa duecento ultras cagliaritani, arrivati nella stazione ferroviaria turritana in vista dell´amichevole sul campo del Sorso, sono entrati a contatto con quelli sassaresi, nella zona tra Corso Vico e Porta Sant´Antonio. Almeno sei le persone che hanno dovuto ricorrere a cure mediche
23:14
«E´ opportuno che venga fatta subito chiarezza sule responsabilità», chiede il presidente del Consiglio regionale Gianfranco Ganau. Il sindaco di Sassari Nicola Sanna in contatto con questore e prefetto. Il primo cittadino di Cagliari Massimo Zedda scrive al collega sassarese
24/3/2017
Fortunatamente non si sono registrati feriti, visto che i bambini erano nelle aule, mentre gli operai si erano allontanati dal cantiere di Via Lanusei per la pausa pranzo
24/3/2017
Salvatore Furesi, elettricista algherese, durante un'operazione nell'ospedale di Sassari, per un bypass al cuore, aveva ricevuto con una trasfusione del sangue infetto. La vicenda risale al 1988. La recente sentenza ha imposto al Ministero un risarcimento ai familiari di 960mila euro
9:13
«Niente a che fare con il calcio, bisogna chiarire se è stato fatto tutto per prevenire le violenze», auspica il senatore del Partito Democratico
© 2000-2017 Mediatica sas