Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter Alguer.cat
Cagliari OgginotiziesassariSaluteSanità › Cure palliative: convegno a Sassari
Red 16 marzo 2017
Il convegno “Stato dell’arte delle cure palliative nel nostro territorio a distanza di sette anni dalla approvazione della legge 38/2010” è in programma domani, dalle ore 9 alle 18, nell´aula magna dell´Universita degli studi di Sassari
Cure palliative: convegno a Sassari


SASSARI - La legge Italiana per cure palliative intende “l'insieme degli interventi diagnostici , terapeutici e assistenziali,rivolti alla persona malata e al suo nucleo familiare,finalizzati alla cura attiva e totale dei pazienti la cui malattia di base, caratterizzata da una inarrestabile evoluzione e da una prognosi infausta, non risponde più a trattamenti specifici”. Nell'articolo 5 comma 6, stabilisce requisiti minimi e modalità organizzativa necessari per l'accreditamento delle strutture di assistenza ai malati in fase terminale con particolare riferimento agli standard strutturali qualitativi e quantitativi, ad una pianta organica adeguata alle necessità di cure della popolazione residente ed una disponibilità adeguata di figure professionali con specifiche competenze nel campo delle cure palliative e della terapia del dolore,anche con riguardo al supporto alla famiglia.

Le Unità di cure palliative assicurano un programma di cure individuale e personalizzato che, riconoscendo l'autonomia e dignità del paziente, offrono un'assistenza che deve rispettare standard di qualità evidenziando le diverse specificità dei percorsi assistenziali del malato dall'ospedale al suo domicilio. A sette anni dall'approvazione della legge 38/2010, è necessario fare il punto sullo stato dell'arte delle cure palliative in Sardegna ed in particolare nel Distretto sanitario di Sassari.

La legge garantisce l'accesso alle cure palliative nell'ambito dei livelli essenziali di assistenza, è un diritto umano fondamentale, ha lo scopo di assicurare il rispetto della dignità e della autonomia della persona, il bisogno di salute, l'appropriatezza, la proporzionalità e consensualità delle cure, l'equa distribuzione delle risorse, la tutela e la promozione della qualità della vita in ogni fase della traiettoria di malattia, in particolare nella fase vicina alla fine della vita. Le Cp esigono un approccio multidisciplinare ed interdisciplinare integrato, nel quale al centro c'è il malato e la sua famiglia, nell'ottica di realizzare la “continuità di cura”. Scopo del convegno è fare una riflessione sul grado di attuazione,sui modelli organizzativi e sul metodo di lavoro attivi nel nostro territorio,valorizzando l'esperienza di tutti gli attori coinvolti e cosa ancora si dovrebbe fare.
Commenti
23/3/2017
Cure ottimizzate per i pazienti con sclerosi multipla della Sardegna, in qualunque zona della regione vivano, assicurando a tutti gli stessi standard di assistenza. Sarà questo il risultato pratico del Percorso diagnostico terapeutico assistenziale, che l’assessore regionale della Sanità Luigi Arru ha illustrato questa mattina a tre rappresentanti dell’associazione di Iglesias
18:27
Non finirà mai di stupirmi la totale insensibilità del Governo di fronte alle specificità, la totale impermeabilità rispetto ad argomentazioni fondate sulla concreta conoscenza dei territori, l´incapacità totale di ascolto dei bisogni delle persone
23:31
Il consigliere regionale di Forza Italia lancia l’allarme: un esercito di venti infermieri professionali a rischio nelle carceri sarde. In diversi istituti penitenziari operano anche nelle ore notturne. Sono precari. Anche loro precari della sanità isolana, probabilmente i meno visibili. Una vertenza dimenticata
© 2000-2017 Mediatica sas