Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter Alguer.cat
Cagliari OgginotiziesardegnaPoliticaUrbanistica › Giunta approva nuova legge Urbanistica
Red 17 marzo 2017
Sarà a disposizione del Consiglio regionale già dalla settimana prossima con l´approdo prima in commissione e poi in Aula, subito dopo il via libera alla Finanziaria 2017
Giunta approva nuova legge Urbanistica


CAGLIARI - Approvata la nuova legge urbanistica dalla Giunta regionale che sarà a disposizione del Consiglio regionale già dalla settimana prossima con l'approdo prima in commissione e poi in Aula, subito dopo il via libera alla Finanziaria 2017. La legge si compone di 113 articoli, che cancellano circa 300 norme in vigore dal 1985 ad oggi, e consente di intervenire nella fascia dei 300 metri dal mare attraverso il solo miglioramento e l'ampliamento delle strutture ricettive con un incremento volumetrico massimo del 25%.

Alla base c'è la classificazione di quattro macro ambiti urbanistici, meno rigidi di quelli attuali, con i sindaci che avranno la responsabilità di individuarli; incrementi volumetrici intorno al 25%, con la conferma delle zone di salvaguardia e l'idea di recuperare l'esistente piuttosto che consumare nuovo territorio. Ogni Comune dovrà preliminarmente individuare l'ambito di salvaguardia ambientale o paesaggista, dove sono consentite solo manutenzioni straordinarie, restauro, ristrutturazione o riqualificazione ambientale. Successivamente, l'amministrazione dovrà definire quali sono gli ambiti rurali e quelli urbanizzati.

Nei primi la superficie minima edificabile viene fissata in funzione dell'attività produttiva e non più fissa con la previsione dei "tre ettari per costruire": si va da un ettaro per le colture orticole sino ad un massimo di 30 ettari per orzo avena e canapa, dai 3 ettari per l'allevamento dei suini ai 5 per l'apicolura. L'incremento volumetrico in quest'ambito è in media del 20%. A questo punto si potrà individuare l'ambito urbanizzato con un incremento massimo del 30% fino a 120 mc. Solo in seguito le amministrazioni potranno individuare l'ambito potenzialmente trasformabile, l'ex zona di espansione, dove il Comune è chiamato a definire i propri fabbisogni abitativi e di servizi che non potranno eccedere il 10% del totale della zona urbanizzata. Questa porzione sarà messa a bando tra i proprietari che dovranno presentare il progetto migliore. La legge dà 36 mesi ai Comuni per adeguare i Puc alla nuova pianificazione - legge urbanistica per le zone interne e Ppr sulla costa - dopo di che arriverà il commissario ad acta.

Nella foto: Francesco Pigliaru
Commenti
23/3/2017
Ci sembra difficile, se non impossibile, che l’assessore Usai non sappia queste cose, abbiamo forti dubbi che le sue dichiarazioni enfatiche, riferite ai contenuti delle norme tecniche di attuazione della variante e alla possibilità di partecipare ai bandi previsti dal Piano di Sviluppo Rurale, possano avere riscontro concreto sulle potenzialità di crescita e sviluppo dell’area della bonifica
© 2000-2017 Mediatica sas