Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter Alguer.cat
Cagliari OgginotiziesardegnaPoliticaSicurezza › «Cavalcavia sulle strade, troppi pericoli»
Red 18 marzo 2017
«Anas presenti al Parlamento quadro generale e piano interventi», chiede il senatore del Partito Democratico Silvio Lai, in una lettera inviata al ministro dei Trasporti Graziano Delrio
«Cavalcavia sulle strade, troppi pericoli»


SASSARI - «Troppi incidenti e troppi pericoli causati dal precario stato di salute dei cavalcavia. I recenti fatti di cronaca, ultimo in ordine di tempo il crollo del ponte sul cavalcavia di Camerano, rendono necessario un intervento nei confronti dell’Anas per sapere se e con quale periodicità vengano effettuati i controlli e se esista, o intenda avviare un piano generale di controllo e di manutenzione di tutti i manufatti». Così, il senatore del Partito Democratico Silvio Lai scrive in una lettera inviata al ministro dei Trasporti Graziano Delrio. Il parlamentare prende spunto da una serie di gravi incidenti, quello di pochi giorni fa ha causato la morte di due persone nell’autostrada A14, ad ottobre invece il crollo di un cavalcavia in Brianza era costato la vita ad un automobilista.

«La verifica delle condizioni di sicurezza dei cavalcavia è indispensabile per poter prevenire eventi come quelli che si sono verificati recentemente e da questo punto di vista riteniamo che da parte di Anas ci debba essere massima chiarezza sui controlli che vengono effettuati e sugli interventi programmati. Ma se si parla di prevenzione – sottolinea il senatore del Pd - è giusto domandarsi anche se, come fa oggi il professor Francesco Annunziata dell’Università di Cagliari, la riduzione del costo dei lavori si accompagni sempre ad un’adeguata preparazione ed esperienza da parte di chi è chiamato a dirigere ed effettuare gli interventi. Lo stesso discorso vale per l’affidamento degli incarichi di progettazione per opere di questo tipo, quanto si può essere garantiti quando viene consentito il massimo ribasso d’asta?».

«Prendo spunto poi anche dalla protesta che in questi giorni ha visto come protagonisti i sindaci dei Comuni del Meilogu, in Sardegna. Gli amministratori e le popolazioni locali hanno espresso preoccupazione per le condizioni del ponte sul cavalcavia di Mesu Mundu, nel territorio del comune di Siligo. Strati di calcestruzzo mancanti hanno scoperto le gabbie di armatura del cemento a cui si aggiunge il danno provocato da un Tir che nel 2009 stava effettuando un trasporto eccezionale. Non è escluso che a breve possano essere adottate in via precauzionale dai primi cittadini misure ostative al traffico nella zona. I sindaci si apprestano ora ad interessare il Ministero per chiedere l’invio di ispettori che possano verificare le reali condizioni del cavalcavia. È evidente – conclude Lai – che su questo argomento ci debba essere un impegno massimo da parte di chi ha la competenza dell’esecuzione dei lavori ma anche dei controlli e della messa in sicurezza. Per questo motivo chiediamo che da parte di Anas venga presentato al Parlamento un quadro generale ed un piano di interventi su tutte le situazioni a rischio per prevenire incidenti come quelli che si sono verificati recentemente».

Nella foto: Silvio Lai
Commenti
27/5/2017
L´accoglienza dei migranti, la loro inclusione e le difficoltà legate al processo di integrazione. Temi al centro dell´incontro che si è svolto all´Istituto Primo Levi, per iniziativa della Regione autonoma della Sardegna
27/5/2017
E´ giunta questa mattina, nel molo merci del Porto Canale, la nave militare inglese Echo, con a bordo i profughi soccorsi nei giorni scorsi davanti alle coste della Libia
27/5/2017
Attorno alle ore 7 di oggi, sono stati individuati i nordafricani. Pronto l´intervento dei militari della Capitaneria di porto, del Nucleo elicotteri di Elmas, dei Carabinieri e dei mezzi navali del Reparto operativo
28/5/2017
Nel week-end, i Carabinieri del Comando Provinciale di Sassari hanno controllato oltre trecento veicoli e denunciato in stato di libertà quattordici persone trovate positive all’alcooltest e drugtest, alle quali hanno anche ritirato la patente di guida e sequestrato i mezzi che conducevano
© 2000-2017 Mediatica sas