Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter Alguer.cat
Cagliari OgginotizieportotorresEconomiaAmbiente › Un dissalatore contro la crisi idrica: proposta Psd’Az
Mariangela Pala 5 settembre 2017
Un dissalatore come fonte idrica alternativa da realizzare nella zona industriale di Porto Torres. La proposta è stata avanzata dal consigliere nazionale del Partito sardo d’Azione, Gavino Gaspa in occasione della presentazione pubblica presso la sala Filippo Canu, dello studio di impatto ambientale relativo alla realizzazione dell’impianto di fotovoltaico dell’Eni
Un dissalatore contro la crisi idrica: proposta Psd’Az


PORTO TORRES - Un dissalatore come fonte idrica alternativa da realizzare nella zona industriale di Porto Torres. La proposta è stata avanzata dal consigliere nazionale del Partito sardo d’Azione, Gavino Gaspa in occasione della presentazione pubblica dello studio di impatto ambientale relativo alla realizzazione dell’impianto di fotovoltaico dell’Eni, tenutasi presso la sala Filippo Canu. L’ex assessore comunale all’Ambiente ha presentato l’idea, accolta con favore dai rappresentanti delle società del gruppo Eni (Syndial e Versalis)presenti nella sala, i quali hanno fatto sapere che si tratta di un progetto già inserito nella loro agenda sulla quale la società ha deciso di investire.

Come più volte dichiarato dai vertici dell’Eni, la centrale a biomasse non verrà più realizzata, i 230 milioni di euro ad essa destinati devono essere investiti in impianti e opere da realizzarsi nell’area della Marinella. «Vista la crisi idrica che attanaglia la Sardegna e che sta mettendo in seria crisi popolazioni e comparto agricolo sardo, perché - propone l’esponente Psd’Az - non pensare di destinare quelle risorse in interventi di grande impatto sociale, come la ricerca su fonti idriche alternative ed, eventualmente, nella realizzazione di un moderno “dissalatore”».

Le tecniche utilizzate in impianti di dissalazione si sono evolute notevolmente e sono sostanzialmente due: utilizzo di scambi termici per la produzione di calore (processo di distillazione “multiflash”) e quello a osmosi inversa, che richiede un importante quota di elettricità. «Nel nostro territorio non mancano certo le materie prime – spiega l’ex assessore Gaspa - acqua calda, vapore e impianti di produzione di energia, sia da fonti fossili che rinnovabili; oltre a professionalità, competenze e know-how per la costruzione di impianti di quel tipo». Nella centrale di Fiume Santo vi è una grande produzione di acque da raffreddamento, che dopo aver opportunamente e costosamente abbattuto il loro alto valore termico, finiscono il ciclo produttivo disperdendosi in mare.

Il gruppo Eni sta per costruire un nuovo impianto di produzione di energia fotovoltaica da 31 Megawatt, di cui il 70% sarà destinato ai clienti industriali del sito ed ha più volte dichiarato che punta a creare un polo d’eccellenza per le energie rinnovabili nelle aree compromesse del sito di Porto Torres. «Perché non pensare, quindi, di inserire nell’aggiornamento del Protocollo d’intesa del 2011, l’utilizzo delle somme a suo tempo previste - aggiunge Gavino Gaspa - e non più spendibili per motivazioni plausibili, nel supportare progetti di ricerca su fonti idriche alternative e per la costruzione di un moderno ed efficace impianto di dissalazione. Dissalatore che, oltre a combattere il fenomeno della desertificazione crescente, proietti il nostro territorio verso un futuro moderno, sostenibile e con diverse centinaia di disoccupati in meno».
Commenti
17:06
Il Comune ogliastrino esempio virtuoso nella gestione dei rifiuti al Forum internazionale #wasteinprogress, tenutosi questa settimana nella cittadina catalana
23/2/2018
Altre quattro auto sono state rimosse dalle strade di Porto Torres, nei giorni scorsi, dal Comando di Polizia Locale, nell´ambito del programma di recupero e smaltimento dei veicoli abbandonati
22/2/2018
I lavori del Consiglio comunale di Sassari sono stati l´occasione per fare il punto su alcuni aspetti dell´appalto per l´igiene urbana in città: I cassonetti sono lavati una volta al mese e quelli dell'umido nel periodo estivo una alla settimana
21/2/2018
«Agire locale per mettere a valore le ricchezze ambientali dei territori italiani», ha dichiarato l´assessore regionale della Difesa dell´ambiente e coordinatrice della Commissione Ambiente ed energia della Conferenza Stato-Regioni
© 2000-2018 Mediatica sas