Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter Alguer.cat
Cagliari OgginotiziesassariSaluteAnimali › Lingua blu e vaccini: bovini a rischio
Red 10 settembre 2017
«Così si blocca la vendita di migliaia di capi», dichiarano i vertici della Coldiretti nord Sardegna. A rischio ci sono il futuro e l’economia di un intero comparto: i contratti già stipulati e le fiere già programmate rischiano di saltare
Lingua blu e vaccini: bovini a rischio


SASSARI - Il processo di movimentazione dei bovini da ristallo all’interno della Sardegna e verso la Penisola ha subito una nuova battuta d’arresto a causa dei focolai di lingua blu che si sono diffusi in parte del territorio regionale. A denunciarlo è la Coldiretti nord Sardegna, che negli ultimi giorni ha raccolto le denunce dei propri associati. A rischio ci sono il futuro e l’economia di un intero comparto: i contratti già stipulati e le fiere già programmate rischiano di saltare.

«Molte aziende zootecniche sono state costrette a sospendere i propri contratti e a bloccare la movimentazione dei bovini in seguito alla diffusione dei nuovi focolai di lingua blu – afferma il presidente della Coldiretti nord Sardegna Battista Cualbu - Considerato che la Sardegna esporta ogni anno un numero considerevole di capi, stimato tra le 10mila e 12mila unità, i mancati guadagni ammonterebbero a centinaia di migliaia di euro. Perdite a cui si devono aggiungere le spese extra legate alla siccità: la mancata movimentazione di un capo non comporta solo una perdita diretta, ma genera dei nuovi costi a carico degli allevatori costretti a spendere cifre sempre più alte per acquistare foraggio e mangime per il bestiame».

Lo stop alla movimentazione dei bovini riguarda una larga porzione di allevatori, dislocati principalmente in Gallura. Molti di loro avevano già pianificato la vendita dei capi, ma la nuova epidemia di lingua blu ha bloccato la consegna dei fogli rosa. Gli animali sono costretti all’interno delle aziende e lo stallo potrebbe persistere per mesi. «Siamo in piena emergenza e il tempo a disposizione delle aziende è contingentato – aggiunge il direttore della Coldiretti nord Sardegna Ermanno Mazzetti - Auspichiamo l’intervento dell’Assessorato regionale alla Sanità. Non dimentichiamoci che in Gallura ci sono interi territori legati a filo doppio con l’economia del bovino da carne come Olbia, Arzachena, Tempio, Aggius, Sant’Antonio di Gallura e Luras, solo per citarne alcuni». I ritardi nella vaccinazione dei bovini avranno un effetto negativo anche sul settore fieristico ed espositivo. Senza i documenti in regola, i capi sardi non potranno prendere parte alle manifestazioni regionali, nazionali ed internazionali.
Commenti
9:56
Italia nostra Sardegna chiede pertanto l’immediata revoca degli abbattimenti dei daini nel Parco di Porto Conte e la contestuale adozione di un piano alternativo coerente con la salvaguardia degli ecositemi isolani e con una corretta gestione del patrimonio faunistico
15/2/2018
Il Comitato zonale Nurra collaborò con il Parco di Porto Conte per la raccolta delle segnalazioni della presenza degli ungulati da parte dei tanti agricoltori ormai esasperati ai massimi livelli per il sovrannumero di tali specie
15/2/2018
Raniero Selva interviene in merito ai Daini di Porto Conte: «Siamo convinti che il Parco Naturale Regionale di Porto Conte non voglia assolutamente sopprimere animali o favorire l’uso delle doppiette. Sarebbe una evidente contraddizione inaccettabile con le sue principali finalità istituzionali»
15/2/2018
Legambiente Sardegna chiede che la scelta degli abbattimenti venga revocata invitando l´assessore regionale della Difesa dell´Ambiente ad adottare un piano alternativo coerente con gli obiettivi della Carta delle vocazioni faunistiche e del Piano regionale Faunistico-venatorio
© 2000-2018 Mediatica sas