Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter Alguer.cat
Cagliari OgginotiziecagliariPoliticaAmbiente › Scorie nucleari: sit-in a Cagliari
Red 11 settembre 2017
Comitati sul piede di guerra. Domani mattina, è in programma una manifestazione di protesta organizzata dal Comitadu NonucleNoscorie sotto il palazzo del Consiglio regionale al grido di «Mai in Sardegna»
Scorie nucleari: sit-in a Cagliari


CAGLIARI - L'eventualità dell'utilizzo dell'Isola come deposito di materiale radioattivo riaccende la rabbia di associazioni e gruppi contrari, che sottolineano «Il referendum del 2011 parla chiaro, i sardi hanno già detto no». Da Roma non è ancora arrivato il semaforo verde, ma già da almeno due anni si moltiplicano le ipotesi che vedono l'Isola come deposito unico delle scorie nucleari.

Il motivo più reale è legato al rischio terremoti (praticamente inesistente) in Sardegna. In un'Italia dove la terra trema sempre più spesso, la regione al centro del Mar Mediterraneo sembra il luogo ideale per trasferire le scorie. Anche se, doveroso ricordarlo, il ministro Galletti, in visita a Sassari per la carta di partnernariato Pelagos, il 25 agosto, ha bollato come “false” le ipotesi che vedono l'Isola come meta già scelta per le scorie. Ma una parte (non si sa quanto consistente) di sardi non si fida.

Per questo, il “Comitadu NonucleNoscorie” ha convocato un sit-in per domani, martedì 12 settembre, sotto i portici della sede del Consiglio Regionale, in Via Roma, a Cagliari, con inizio alle ore 10, «non solo per rendere evidente la non mai sopita bardianìa del Comitadu in merito alla possibile individuazione della Sardegna come sito per il deposito unico per le scorie nucleari, ma principalmente per constatare se la Regione Sardegna ha adempiuto ai suoi doveri istituzionali.

Sono due i tasselli grazie ai quali il Comitadu puntella le sue argomentazioni. “Bisogna verificare se la Regione ha già detto al Ministero dell'Ambiente l'assoluta contrarietà dei sardi espressa tramite il referendum consultivo istituzionale - e - se abbia comunicato il “no” uscito, nel 2011, dalle urne del referendum di iniziativa popolare contro l'installazione in Sardegna di centrali nucleari e di siti per lo stoccaggio di scorie radioattive da esse residuate o preesistenti».
Commenti
18:21
Si sono concluse nella tarda mattinata di oggi le operazioni di recupero e alaggio dell’imbarcazione da diporto denominata “Stella del Sud”, affondata il 26 gennaio scorso ad un miglio e mezzo dal porto di Porto Torres
16/2/2018
Illustrato questa mattina, alla presenza dell´assessora regionale all´Ambiente, il progetto definitivo che prevede lo smantellamento della strada asfaltata che conduce alla famosa spiaggia di Stintino
16/2/2018
«I progetto per La Pelosa tiene conto del valore inestimabile della spiaggia. Per questa ragione è stato sviluppato alla luce di solide analisi al fine di ripristinare il sistema dunale e conciliare la sua fruizione sostenibile». Lo dichiara l´assessora della Difesa dell´ambiente Donatella Spano, intervenuta oggi a Stintino alla presentazione pubblica del progetto “Tutela, protezione e valorizzazione della spiaggia de La Pelosa
15/2/2018
Il 16 febbraio sarà presentato alla cittadinanza il progetto definitivo che consentirà di eliminare l´asfalto dal tratto di strada che conduce a una delle più belle spiagge del mondo
15/2/2018
Incrementato da oggi il numero dei bidoni per gli ambulanti. L´obiettivo è migliorare la qualità del conferimento
© 2000-2018 Mediatica sas