Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter Alguer.cat
Cagliari OgginotiziesardegnaPoliticaAgricoltura › Aiuto ovicaprino: liquidate 2500 pratiche
Red 5 dicembre 2017
Ovicaprino: per aiuto siccità da 13euro a capo già pagate oltre 2500 pratiche con una spesa di 10,3milioni. Entro lunedì 18 dicembre, vanno presentate tutte le domande
Aiuto ovicaprino: liquidate 2500 pratiche


CAGLIARI - Alle 13 di venerdì primo dicembre risultavano liquidate 2579 domande per un importo complessivo di 10.375.466 di euro. Lo ha comunicato l’Agenzia regionale Argea Sardegna con la pubblicazione del quinto aggiornamento sui pagamenti dell’aiuto da 13euro a capo ovicaprino previsto dalla legge 20/17, che interviene sul deterioramento delle condizioni di produzione e di mercato del latte nella campagna 2016/2017 e sulle criticità causate dallo stato di siccità. Il termine ultimo per la presentazione delle domande di aiuto, dedicate a tutti gli allevatori di pecore e capre della Sardegna, è fissato per lunedì 18 dicembre. Sempre al primo dicembre, risultano presentate negli sportelli Laore 9472 domande su un totale di potenziali aziende beneficiarie stimato in circa 12mila. Solo negli ultimi quindici giorni, sono arrivate qualcosa come 3mila domande. Al primo dicembre risultano avviate all’istruttoria da parte di Argea 8791 domande di cui 4mila già istruite e 2579 già pagate. Ci sono poi 452 domande estratte a campione per i controlli previsti dal bando.

Oltre ottocento aziende hanno comunicato inspiegabilmente nuovi dati (in particolare nuove coordinate bancarie su cui effettuare i pagamenti) in data successiva alla presentazione della domanda. Ciò ha determinato la necessità di effettuare un’istruttoria manuale che richiede tempi di lavorazione e di aggiornamento notevolmente più lunghi. Infatti, con queste integrazioni si è annullata l’immediatezza del pagamento informatizzato che sulla base degli Iban recuperati nel fascicolo aziendale permettevano una particolare celerità nella liquidazione dei fondi. Inoltre, ulteriori rallentamenti, non dovuti alla gestione delle pratiche da parte dell’Amministrazione regionale, sono legati al fatto che circa settecento domande non possono ancora essere liquidate poiché non risultano comunicati ad Agris i dati o le autodichiarazioni sulla produzione del latte dell’ultimo biennio (2016/2017). Invece, circa 1900 risultano sospese in attesa di verifiche, secondo quanto previsto dalla normativa nazionale vigente, sulla regolarità contributiva da parte dell’Inps.

Per velocizzare i tempi di erogazione delle risorse, l’Assessorato ha costituito un'unità di lavoro dove sono coinvolte le tre Agenzie agricole regionali: Agris, Argea e Laore. Agris è incaricata del ricevimento delle mail tramite Pec dove devono essere allegate le fatture sulla produzione del latte per le campagne 2015/2016 e 2016/2017, oppure in caso di autoproduzione o autoconsumo le dichiarazioni sostitutive che attestino il latte realmente prodotto. Invece, i trentadue sportelli, aperti su tutto il territorio regionale da Laore, sono incaricati di stampare la domanda, già pre-compilata grazie ad un sistema informatico creato ad hoc, con i dati sulla consistenza degli animali presenti in azienda al 30 giugno e con gli elementi estrapolati dal fascicolo aziendale che riguardano i dati anagrafici e le coordinate bancarie su cui indirizzare il pagamento. Spetta invece ad Argea la fase istruttoria e di liquidazione delle domande di aiuto. Gli uffici dell’Agenzia regionale per le erogazioni in Agricoltura hanno assicurato che intensificheranno ulteriormente la propria attività istruttoria così da consentire al maggior numero di aziende di percepire gli aiuti il prima possibile.

Nella foto: l'assessore regionale Pier Luigi Caria
Commenti
© 2000-2017 Mediatica sas