Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter Alguer.cat
Cagliari OgginotizieportotorresCronacaCronaca › Suicidio di Michela Deriu: «responsabili» due ragazzi
M.P. 8 febbraio 2018
Al termine della corposa e complessa attività investigativa svolta dalla sezione operativa di Olbia, l’Autorità giudiziaria ha emesso l’avviso di conclusione delle indagini nei confronti di due residenti a Porto Torres, rispettivamente di 24 e 29 anni, ritenuti responsabili, in concorso tra loro, di diffamazione aggravata e morte come conseguenza di altro reato
Suicidio di Michela Deriu: «responsabili» due ragazzi


PORTO TORRES - A conclusione di una complessa attività investigativa, resa non facile anche a causa della delicatezza dei fatti che sono stati accertati dagli investigatori della sezione operativa del reparto territoriale carabinieri di Olbia, con la preziosa collaborazione della compagnia di Porto Torres, la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Tempio Pausania ha emesso gli avvisi di conclusione delle indagini preliminari a carico di due ragazzi di Porto Torres ritenuti responsabili, in concorso tra loro, dei reati di diffamazione aggravata e morte quale conseguenza di altro delitto. L’atto è stato notificato agli indagati e ai loro legali.

Il 5 novembre 2017, alle ore 3 circa, a La Maddalena, a casa di un’amica che la stava ospitando, Michela Deriu, di soli 22 anni, è stata trovata priva di vita, impiccata in cucina. Sul posto, nell’immediatezza, è intervenuto personale della stazione carabinieri di La Maddalena che ha effettuato i primi accertamenti del caso, rinvenendo nell’abitazione due biglietti scritti a mano il cui contenuto faceva ipotizzare che l’estremo gesto commesso dalla ragazza potesse essere collegato a situazioni precedenti che avessero interessato la sfera personale della vittima. Per tale motivo, subito dopo il ritrovamento dei biglietti, è stato effettuato un sopralluogo estremamente preciso e circostanziato, con il repertamento da parte del personale della sezione operativa del reparto territoriale di tutto ciò che potesse essere considerato fonte di prova.

Considerata la delicatezza della vicenda, la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Tempio Pausania ha affidato le indagini agli investigatori della sezione operativa del reparto territoriale di Olbia, al fine di verificare se Michela avesse deciso di compiere l’insano gesto perché istigata da terze persone o se vi fossero state situazioni che avessero contribuito in qualche modo nella sua decisione estrema di togliersi la vita. Per delineare l’accaduto, gli investigatori dei carabinieri, da subito, hanno intrapreso gli accertamenti ritenuti necessari per svolgere al meglio l’incarico affidato dall’Autorità giudiziaria, avvalendosi sia delle indagini tradizionali, con l’escussione di oltre cento persone in qualche modo legate e/o vicine alla vittima, sia dell’attività tecnica di intercettazione telefonica, il tutto messo a confronto con una grande quantità di dati e materiale informatico, video e foto sottoposti a sequestro nel corso delle investigazioni.

Al termine della corposa e complessa attività investigativa svolta dalla sezione operativa di Olbia, l’Autorità giudiziaria ha emesso l’avviso di conclusione delle indagini nei confronti di M. C. e R.P., entrambi residenti a Porto Torres, rispettivamente di 24 e 29 anni, ritenuti responsabili, in concorso tra loro, di diffamazione aggravata e morte come conseguenza di altro reato. L’analisi dei fatti ha consentito di ricostruire l’ultimo periodo di vita di Michela, permettendo nel contempo di descrivere dettagliatamente ciò che la stessa ha fatto in quell’arco temporale, con chi si sia relazionata e quali situazioni di rilievo abbiano caratterizzato il suo percorso personale e, a grandi linee, documentare come la giovane abbia vissuto la sua breve esistenza.

E’ stato accertato che Michela, il 3 novembre 2017, solo dopo che la notizia era stata riportata sugli organi di stampa, ha denunciato, presso la stazione carabinieri di Porto Torres, una patita rapina, a suo dire avvenuta a Porto Torres alle ore 1.30 del 31 ottobre 2017. Tale circostanza, nel corso dell’attività investigativa, non ha trovato alcun fondamento anzi gli elementi raccolti hanno portato a dimostrare che il reato denunciato fosse stato simulato dalla stessa. E’ stato documentato che gli indagati, in concorso tra loro e comunicandolo a più persone, hanno offeso la reputazione di Michela, rivelando, senza il suo consenso, informazioni confidenziali attinenti alla sua vita e abitudini sessuali e, in particolare, hanno mostrato, divulgandolo in questo modo, alcune riprese video e fotografie che ritraevano la giovane mentre consumava un rapporto sessuale.

Alla luce di quanto scritto da Michela in uno dei biglietti che verrà trovato vicino al corpo senza vita, si accenna a “ricatti e umiliazioni per via di un vecchio film”, tanto che i due indagati, sempre in concorso tra loro, hanno contribuito a cagionare, quale conseguenza non voluta, la morte di Michela, la quale, avendo appreso la notizia della diffusione delle informazioni e dei video che la ritraevano mentre faceva sesso, si determinava a togliersi la vita mediante impiccagione.
Commenti
26/5/2018
Nell’ambito delle attività di contrasto all’evasione fiscale, le Fiamme gialle del Gruppo di Cagliari hanno condotto una verifica fiscale nei confronti di un’associazione sportiva dilettantistica con sede nel capoluogo
15:04
Nell’ambito dell’azione a tutela delle entrate ed a contrasto dell’evasione fiscale, le Fiamme gialle di Sarroch e quelle del Gruppo di Cagliari hanno concluso due distinti controlli nei confronti di altrettanti soggetti, proprietari di immobili
26/5/2018
Proseguono i servizi straordinari di controllo del territorio disposti dal questore di Sassari Diego Buso ed effettuati dagli equipaggi del Commissariato di Pubblica sicurezza di Ozieri e del Reparto Prevenzione crimine Sardegna di Abbasanta
16:26
Da una prima ricostruzione, un pastore abruzzese adulto sarebbe stato picchiato, legato in un sacco e poi lanciato da un´altezza di circa 6metri, finendo sulle sponde dello stagno del Calich
21:14
Oggi pomeriggio, una 52enne ha accusato un malore durante un´escursione. Pronto l´intervento di una squadra Saf dei Vigili del fuoco di Nuoro, con il Soccorso alpino e con l´elicottero del Reparto volo di Alghero
26/5/2018
I militari della Guardia di finanza di Cagliari hanno scoperto due persone che hanno indebitamente usufruito dell’esenzione del ticket. Le attività ispettive hanno permesso di accertare che i soggetti versavano in una situazione economica non rientrante nei parametri per cui è prevista la concessione del beneficio
25/5/2018
Intensa attività per gli uomini della Capitaneria di Porto di Olbia, che coordinati dal direttore marittimo, il capitano di Vascello Maurizio Trogu, hanno messo in atto un’operazione di polizia e vigilanza nelle Aree marine protette del nord Sardegna, scongiurando un gravissimo danno in campo ambientale a protezione degli stock ittici
25/5/2018
All´attività commerciale di Via La Marmora, i militari del Comando Carabinieri per la tutela della salute-Nucleo Antisofisticazioni e Sanità di Sassari hanno posto i sigilli nella mattinata di mercoledì. Una mattinata movimentata, visto che prima si è notato l´arrivo della Guardia di finanza e, successivamente, anche dei Carabinieri
25/5/2018
Un giovane è stato denunciato per l´incendio dell´autovettura di un carabiniere ad Ozieri avvenuto nella notte del 30 aprile
© 2000-2018 Mediatica sas