Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter Alguer.cat
Cagliari OgginotiziesardegnaPoliticaUniversità › Borse di studio: più risorse e beneficiari
Red 27 giugno 2018
Tutti gli studenti universitari che ne avranno diritto, riceveranno la borsa di studio, che sarà molto più ricca rispetto al passato. «Garantiamo il diritto alla studio», hanno dichiarato il presidente della Regione autonoma della Sardegna Francesco Pigliaru e l´assessore regionale della Pubblica istruzione Giuseppe Dessena
Borse di studio: più risorse e beneficiari


CAGLIARI - Tutti gli studenti universitari che ne avranno diritto riceveranno la borsa di studio, che sarà molto più ricca rispetto al passato. È un altro importante risultato degli investimenti portati avanti dalla Regione autonoma della Sardegna sul fronte dell’istruzione e del diritto allo studio, che per la Giunta Pigliaru si confermano priorità. Con l'aumento delle risorse regionali da 3 a 13milioni di euro, siglato nei giorni scorsi dalla Giunta regionale, le borse di studio, e le azioni di sostegno a favore di studenti capaci e meritevoli privi di mezzi, per il 2018-2019, diventano infatti notevolmente più ricche e si amplia il numero dei beneficiari. Alle risorse regionali, inoltre, si sommano quelle statali, europee, e la tassa regionale per il diritto allo studio universitario, incassato nel corso dell’anno 2018 direttamente dagli Ersu, arrivando all'importante cifra di circa 40milioni. È stato illustrato lunedì mattina, nel corso della conferenza stampa nell'aula magna Maria Lai del Polo economico e giuridico dell'Università degli studi di Cagliari, dove il presidente Francesco Pigliaru, con l'assessore regionale della Pubblica istruzione Giuseppe Dessena hanno illustrato dati e significato del provvedimento con il rettore dell'Università di Cagliari Maria del Zompo, il professore Antonello Cannas in rappresentanza dell'Università di Sassari, il consigliere regionale Roberto Deriu ed il rappresentante Ersu degli studenti.

«La miglior sintesi la fanno i numeri - ha spiegato Pigliaru - Nel 2014, il 43percento degli studenti universitari aventi diritto alle borse di studio non riusciva ad accedervi: quelle concesse erano poco più di 4mila ed erano basate su una cifra inadeguata, che si aggirava intorno ai 3700euro. Oggi è tutto cambiato in meglio. Dal 2016, il 100percento degli aventi diritto riceve la borsa di studio. E nel 2018 prevediamo che tutti i 9mila studenti idonei non solo la avranno, ma sarà una borsa nettamente più ricca di prima, arrivando a toccare i 5100euro per i fuori sede. L’istruzione è la guida essenziale per governare i cambiamenti che attraversiamo ed è lo strumento primario per costruire il futuro dei nostri ragazzi e quindi di tutti noi: per questo, a partire da Iscol@, investiamo energie e risorse a tutti i livelli. Vogliamo che l’accesso alle Università sia sempre più facile per le famiglie sarde – ha concluso il governatore dell'Isola - e abbiamo messo tutto il nostro impegno per raggiungere questo risultato che oggi, grazie anche alla condivisione con la nostra Maggioranza in Consiglio regionale e al dialogo costante con gli studenti, diventa concreta opportunità».

«Siamo soddisfatti – sottolinea Dessena – perché, pur in un periodo di limitate risorse finanziarie, che spesso ci costringono a fare scelte difficili, siamo riusciti a sfruttare al meglio le opportunità del Fondo sociale europeo (oltre 6milioni di euro: 2milioni in più rispetto al 2017) per investire in maniera più incisiva sulle borse di studio e ampliare la platea dei possibili beneficiari, che raddoppiano rispetto all’anno accademico 2013/2014. Va detto che il robusto finanziamento votato dal Consiglio regionale (dai 3milioni degli ultimi tre anni si è passati ai 13milioni di euro di quest’anno) ha consentito di ritoccare il tetto del reddito Isee, anche perché sono aumentati in proporzione i fondi ministeriali attraverso un effetto moltiplicatore: più la Regione investe, più lo Stato conferisce per lo stesso intervento. Nel frattempo, stiamo perfezionando alcuni strumenti per migliorare la partecipazione dei giovani alla vita educativa e venire incontro alle famiglie meno agiate, in particolare, a quelle delle zone interne: gli studenti fuori sede in Sardegna raggiungono ormai il 50percento della popolazione studentesca universitaria».

«Siamo l’ateneo che qualitativamente cresce di più in Italia, stiamo migliorando tantissimo sulle lauree magistrali per far in modo che gli studenti sardi restino nella nostra isola. Anche l’accreditamento recentemente ottenuto mostra che la qualità della ricerca del nostro Ateneo è molto alta - ha detto Del Zompo - Ringrazio prima di tutto le associazioni studentesche per questo risultato. Ragazzi colti, preparati e che non mollano in battaglie importanti come questa. Ringrazio a nome di tutti gli studenti la Giunta, l’Assessore e il Consiglio regionale che mostrano di voler investire in modo da ampliare il diritto allo studio. I risultati si vedranno nel tempo: studiare è un sacrificio, e le borse di studio lo rendono un po’ meno gravoso. L’Ateneo sta facendo di tutto per migliorare i propri livelli qualitativi della ricerca, della didattica e dei servizi». Cannas ha sottolineato il grande beneficio prodotto dall'aumento del numero e dell'importo delle borse di studio, che permetterà a molti studenti sardi di poter compiere in Sardegna i percorsi formativi di loro interesse, mentre il consigliere regionale Deriu ha rimarcato il gran lavoro fatto dalla maggioranza in Consiglio regionale per arrivare a questo importante risultato, necessario per molti studenti della Sardegna.

Aumenterà ancora, secondo le stime, il numero degli studenti beneficiari, che è in costante crescita dal 2014, in particolare grazie anche all'aumento dell'Isee da 20mila a 23mila euro, e dell’indicatore Ispe, elevato oltre i 50mila euro. Sulla base dei dati storici forniti dalle Università di Cagliari e Sassari, sono circa 9mila gli studenti sardi potenzialmente interessati ai bandi che, nelle prossime settimane, saranno emanati dagli Ersu. I nuovi importi delle borse di studio per l’anno accademico 2018/2019 saranno: 5.174,66euro per lo studente fuori sede; 2.852,71euro per lo studente pendolare; 1.950,44euro per lo studente in sede. Per il servizio abitativo è prevista una riduzione su base annua pari a 1.990,25euro, mentre per il servizio ristorazione ci sarà una riduzione di 600euro. Infatti, il Dpcm del 2001 prevede queste detrazioni nel caso in cui la Regione sia in grado di assicurare gratuitamente il servizio abitativo e di ristorazione. Lo stanziamento di 13milioni di euro, previsto nella Finanziaria 2018, sarà ripartito nella misura del 65percento all’Ersu di Cagliari e del 35percento all’Ersu di Sassari, rispettando la percentuale degli studenti iscritti.

Nella foto: un momento della conferenza stampa
Commenti
12/11/2018
Uno studio di un gruppo di ricerca coordinato da Alfonso Damiano è stato pubblicato su “Scientific reports”, la prestigiosa rivista internazionale del gruppo editoriale Nature. Individuate le modalità e la gestione per rendere “intelligente” qualunque rete elettrica
© 2000-2018 Mediatica sas