Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter Alguer.cat
Cagliari OgginotiziesardegnaPoliticaRegione › Consulta corso–sarda: interviene Ganau
Red 11 luglio 2018
«Rafforzare le politiche di coesione sociale per una macroregione del Mediterraneo occidentale che rafforzi le isole», ha dichiarato a Bonifacio il presidente del Consiglio regionale
Consulta corso–sarda: interviene Ganau


CAGLIARI – E' fondamentale difendere e rafforzare le politiche di coesione al livello europeo, contrastando in questo modo la tendenza ad accentrare funzioni, risorse e servizi. La dimensione territoriale delle politiche di coesione deve contenere interventi su misura per le regioni insulari». Lo ha dichiarato ieri mattina (martedì) il presidente del Consiglio regionale Gianfranco Ganau, illustrando durante la seduta della Consulta corso–sarda, riunita a Bonifacio, la relazione sul futuro delle politiche di coesione in Europa. Il documento riconosce che le strategie macroregionali rappresentano uno dei principali strumenti di attuazione delle politiche di coesione, perché finalizzate alla riduzione delle disparità regionali ed alla creazione di sinergie per la crescita e l'occupazione.

L'intervento di Ganau è servito per avviare un confronto all'interno dell'organismo interistituzionale per la nascita di una macroregione del Mediterraneo occidentale, tenuto conto che proprio nell'area del Mediterraneo la dimensione insulare riveste una maggiore specificità. «La proposta dovrà essere discussa all'interno delle nostre singole assemblee – ha aggiunto il presidente del Consiglio regionale – perché si tratta certamente di un'evoluzione di quanto abbiamo sostenuto sinora, ovvero la definizione di una macroregione corso–sarda. E' opportuno che le Istituzioni nazionali ed europee sostengano la costituzione di una Macroregione del Mediterraneo occidentale, attraverso una strategia di crescita anche per le isole comprese in quell'aerea, come la Sardegna e la Corsica».

Gianfranco Ganau ha illustrato le azioni messe in campo per il riconoscimento della condizione di insularità. Dal dossier che la Giunta regionale ha consegnato per l'avvio del confronto con il Governo italiano, all'indirizzo del Consiglio regionale dato alla Giunta con la Legge di stabilità 2017 per la predisposizione di un documento delle modifiche al Trattato di adesione dell'Italia all'Unione europea, con l'obiettivo di riconoscere alla Sardegna lo stato di regione insulare; infine, l'approvazione della Finanziaria nazionale 2018, nella quale è stata inserita una clausola che prevede l'istituzione di una Commissione paritetica Stato–Regione per discutere le modalità di attivazione di un percorso che porti al riconoscimento per la Sardegna della condizione di insularità. Inoltre, il massimo rappresentante dell'Assemblea sarda ha ripercorso le tappe fondamentali del percorso portato avanti dal Comitato Insularità in Costituzione «al quale hanno aderito quasi tutte le forze politiche della Sardegna – ha sottolineato Ganau – che punta all' introduzione nella nostra Costituzione della condizione insulare per il riconoscimento di un diritto di uguaglianza che non riguarda solo l'isola ma deve riguardare tutti».

Nella foto: Talamoni, Ganau, Tack e Tomi
Commenti
21:04
«Il regionalismo differenziato è altra cosa rispetto alla specialità. Pieno impegno da parte delle Regioni a Statuto speciale a contribuire alla riduzione del deficit dello Stato ma rifiuto ad ogni imposizione non concordata in tema dell’entità degli accantonamenti». Questo il fulcro della dichiarazione del presidente del Consiglio regionale, in visita a Roma per incontrare il ministro per gli Affari regionali
20/7/2018
L´Are è la più grande rete indipendente di regioni in tutta l´Europa, che rappresenta 150 territori, con più di 270 componenti appartenenti a 33 Paesi e 16 organizzazioni interregionali. «Nuove opportunità di scambio ed esperienze», sottolinea il presidente della Regione autonoma della Sardegna Francesco Pigliaru
20/7/2018
«Indispensabile unire le forze e chiudere il progetto entro l´anno», ha dichiarato l´assessore regionale della Programmazione Raffaele Paci, in materia di Zone interne e spopolamento
© 2000-2018 Mediatica sas