Skin ADV
Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter Alguer.cat
Cagliari OgginotiziesardegnaPoliticaRegione › Conferenza delle Regioni: Spano a Roma
Red 14 luglio 2018
L´assessore regionale della Difesa dell´ambiente ha incontrato i rappresentanti del Sistema nazionale per la protezione dell´ambiente. «Lavorare insieme per dare piena operatività alla rete», auspica l´esponente della Giunta Pigliaru
Conferenza delle Regioni: Spano a Roma


CAGLIARI - «Puntiamo alla piena attuazione della legge 132, che ha istituito il Sistema nazionale per la protezione dell’ambiente. Ora è necessario un tavolo trilaterale per l’attuazione della stessa legge con il Ministero dell’Ambiente, la Conferenza delle Regioni e lo stesso Sistema».

Lo ha detto l’assessore regionale alla Difesa dell’ambiente Donatella Spano, che giovedì, a Roma, nel ruolo di coordinatrice in materia di Ambiente e energia, nell’ambito della Conferenza delle Regioni, ha incontrato il presidente dell’Istituto per la protezione e la ricerca ambientale Stefano La Porta e Luca Marchesi, vicepresidente del Sistema nazionale per la protezione dell’ambiente. «Dobbiamo lavorare insieme – ha aggiunto Spano - per fare in modo che i decreti attuativi e tutte le risorse per personale e infrastrutture siano indirizzate all’obiettivo della massima efficienza soprattutto in relazione alle funzioni attribuite alle ventuno agenzie regionali che compongono la rete».

«L’attività del Sistema è una garanzia per tutti i cittadini sul fronte del monitoraggio e della tutela ambientale», conclude l'esponente della Giunta Pigliaru. Il Sistema nazionale per la protezione dell'ambiente è stato istituito nel gennaio 2017. La legge attribuisce a questo organismo compiti fondamentali quali attività ispettive nell’ambito delle funzioni di controllo ambientale, il monitoraggio dello stato dell’ambiente e il controllo delle fonti e dei fattori di inquinamento.

Nella foto: un momento dell'incontro
Commenti
20/7/2019
La Regione autonoma della Sardegna ha ceduto a prezzo simbolico al Comune l’ex Ospedaletto militare. Prosegue così il piano portato avanti dall’Assessorato regionale degli Enti locali per la vendita ai Comuni dei beni del patrimonio immobiliare dismesso dallo Stato
© 2000-2019 Mediatica sas