Skin ADV
Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter Alguer.cat
Cagliari OgginotiziesassariCronacaArresti › Sicurezza nel Sassarese: interviene la Polizia
Red 29 settembre 2018
Ieri, gli agenti della Squadra mobile diretta dal dirigente Dario Mongiovì hanno effettuato una serie di perquisizioni domiciliari nei confronti di persone già note alle Forze dell´ordine, perlopiù nuoresi
Sicurezza nel Sassarese: interviene la Polizia


SASSARI – Ieri (venerdì), nell’ambito della costante attività di prevenzione volta a scongiurare la commissione di gravi reati quali gli assalti ai furgoni portavalori ed al traffico di armi, gli agenti della Squadra mobile diretta dal dirigente Dario Mongiovì hanno effettuato una serie di perquisizioni domiciliari nei confronti di persone già note alle Forze dell'ordine, perlopiù nuoresi, abitanti nel Sassarese. Questo ha portato al deferimento all’Autorità giudiziaria di un 46enne di Orgosolo, ma da diversi anni trasferitosi a Mores, trovato in possesso di decine di cartucce calibro12 (caricate a pallettoni e palla) illegalmente detenute nella sua azienda.

Nel 2016, l'uomo era stato colpito da un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dalla Direzione distrettuale antimafia di Cagliari, nei confronti di ventitre persone, tutti già note alle Forze dell'ordine, ritenute componenti un’associazione a delinquere finalizzata al traffico di droga ed armi, oltreché alla commissione di assalti ai furgoni portavalori. Recentemente lo stesso 46enne è stato condotto agli arresti domiciliari da scontare nella sua abitazione/azienda a Mores.
Commenti
11:09
L’arresto è stato eseguito, perché i Carabinieri hanno accertato che pur non avendo mai presentato denunce riferibili a maltrattamenti, da tempo la donna era soggetta a minacce ed episodi di violenza sulle cose da parte del giovane, fortunatamente mai sfociati in violenza fisica
14/6/2019
La Sezione Operativa della Compagnia Carabinieri di Sassari ha rilevato, in una palazzina del quartiere di Santa Maria di Pisa, la costante presenza di numerosi tossicodipendenti, che vi accedevano allontanandosi subito dopo con la “dose” di eroina o cocaina appena acquistata
© 2000-2019 Mediatica sas