Skin ADV
Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter Alguer.cat
Cagliari OgginotiziesardegnaPoliticaElezioni › «Giù le mani dalla legge elettorale»
A.S. 4 ottobre 2018
Così il candidato governatore del Movimento 5 Stelle in Sardegna, che a quattro mesi dal voto parla di rischio inciuci tra Centrodestra e Centrosinistra
«Giù le mani dalla legge elettorale»


CAGLIARI - «Con il pretesto della governabilità, a quattro mesi dal voto centrodestra e centrosinistra vogliono cambiare la legge elettorale ma solo per garantirsi a vicenda un posticino in Consiglio. Un vero e proprio inciucio, uno scandalo che il Movimento 5 Stelle contrasterà a tutti i livelli e con tutte le sue forze e contro il quale chiederemo la mobilitazione di tutti i sardi. Perché a quattro mesi dalle elezioni la legge elettorale non si cambia». Lo afferma Mario Puddu, candidato del Movimento 5 Stelle alla presidenza della Regione alle prossime elezioni di febbraio.

«Il Consiglio regionale ha avuto a disposizione tutta le legislatura per cambiare la legge e lo ha anche fatto pochi mesi fa, introducendo la doppia preferenza di genere. Solo che ora centrosinistra e centrodestra si rendono conto che, per effetto di una legge che noi cambieremo quando saremo al governo della Regione, uno tra i candidati alla presidenza espressi dal centrodestra e dal centrosinistra resterà fuori dal Consiglio. Perché credete che ci stiano mettendo così tanto a scegliere il loro candidato?» continua Puddu, «Perché sanno bene che non gli possono garantire la poltrona! Ecco che dunque adesso c’è la necessità di cambiare la legge per consentire anche al terzo candidato più votato alla presidenza di entrare il Consiglio».

Per Puddu «il pretesto è quello di affermare che con questa legge ci sarebbe il rischio ingovernabilità: la verità è che siamo davanti all’estremo tentativo della casta politica di perpetuare se stessa a danno di sardi. Noi ci opporremo con tutte le nostre forze ad una modifica in extremis della legge elettorale. Impediremo questo ennesimo inciucio tra centrodestra e centrosinistra. Ormai il tempo per cambiare le regole è scaduto: ci penserà il Movimento 5 Stelle, quando sarà al governo della Regione, a dare ai sardi una nuova legge elettorale. Ma ora si vada al voto con questa. Il tempo delle truffe ai danni dei sardi è terminato».
Commenti
11:10
Anche a Cagliari calano gli elettori rispetto alla scorsa tornata elettorale per il rinnovo del Consiglio comunale cagliaritano. Il candidato del centrodestra è al 50,19 mente Francesca Ghirra al 47,71
12:00
E´ il primo commento che il presidente nazionale di Fratelli d´Italia Giorgia Meloni rilascia tramite il suo profilo Facebook: «A Cagliari, FdI è primo partito del Centrodestra e trascina alla vittoria Paolo Truzzu»
9:04
«Nel paese simbolo contro lo spopolamento dell´Isola», sottolinea il segretario regionale leghista Eugenio Zoffili, dopo il successo elettorale di Tittino Cau
12:00
Piccola consolazione in casa del sindaco uscente. La lista civica a sostegno del Sindaco Mario Bruno si conferma dal 2014 il primo partito nella città di Alghero
4:24 video
RISULTATI e AFFLUENZA. Il candidato del Psd´Az ad Alghero vince al primo turno. Sconfitti il sindaco uscente Mario Bruno e Roberto Ferrara del Movimento 5 Stelle. L´intervista al nuovo inquilino di Porta Terra
11:15
Nella città di Sassari si andrà al ballottaggio nella giornata di domenica 30 giugno, fra Mariano Brianda e Nanni Campus. Solo Terzo Mariolino Andria. Il candidato del Centrosinistra si ferma al 34% dei consensi
14/6/2019 video
«Tornerò per vedere come gli sta la fascia tricolore», ha promesso la leader nazionale di Fratelli d´Italia, che questa mattina ha tenuto un breve comizio in Piazza Pino Piras, ad Alghero, accanto al candidato sindaco della Coalizione di Centrodestra. Ecco il suo intervento davanti ai microfoni del Quotidiano di Alghero
© 2000-2019 Mediatica sas