Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter Alguer.cat
Cagliari OgginotiziealgheroCronacaRiti › Caduti a Giave: Alfonso premia il reduce
Red 5 novembre 2018
Anche nel Comune di Giave, ieri, si è tenuta la Festa delle Forze armate, il Centenario della Grande Guerra e la solenne commemorazione dei caduti del paese. Il 95enne Antonio Angius ha ricevuto “Il guerriero nuragico”, opera dell´artista algherese
Caduti a Giave: Alfonso premia il reduce


ALGHERO – Ieri mattina (domenica), anche nel Comune di Giave si è tenuta la Festa delle Forze armate, il Centenario della Grande Guerra e la solenne commemorazione dei caduti del paese. Tutto il paese si è riversato in Piazza Comune ed i parenti ed eredi dei reduci e dei caduti nel primo conflitto mondiale hanno potuto ritirare un Diploma d'onore rilasciato dall'Associazione nazionale combattenti.

Con loro, rappresentanti di tutti i Corpi (Carabinieri, barracelli, poliziotti, autieri, marinai, paracadutisti, finanzieri, forestali e bersaglieri) e delle Associazioni (N.Azzurro, Combattenti e d'Arma). Dopo la messa, il sindaco Maria Antonietta Uras ha deposto una corona ed i bambini dei fiori bianchi per ogni caduto giavese.

Il 95enne Antonio Angius, reduce della Seconda guerra mondiale, è stato premiato con l'opera dell'artista algherese Tonino Alfonso “Il guerriero nuragico”. Presenti alcune coppie in costume giavese, mentre la musica e le canzoni a tema sono state curate dal Coro Antonino Paba di Giave.

Nella foto: Tonino Alfonso ed Antonio Angius
Commenti
18:06
Venerdì mattina, in occasione del 73esimo anniversario dell´eccidio del 1945, il direttore Elisa Milanesi, il comandante del Reparto di Polizia penitenziaria Antonello Brancati, con una rappresentanza del Corpo di Polizia penitenziaria, con la partecipazione dei familiari delle vittime, deporranno una corona di alloro sotto le lapidi e la targa commemorativa presenti nel cimitero comunale
13/11/2018
Commovente cerimonia in memoria degli studenti universitari caduti nella prima Guerra mondiale, ospitata dai locali dell´università degli studi di Sassari. Il rettore Massimo Carpinelli ha ringraziato i familiari dei diciotto studenti che, prima di perdere la vita nella Grande guerra, studiavano Medicina, Giurisprudenza e Farmacia
© 2000-2018 Mediatica sas