Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter Alguer.cat
Cagliari OgginotiziealgheroPoliticaPolitica › Nasce Destra democratica italiana
Red 6 novembre 2018
Il presidente Andrea Sechi, il vice Pierfrancesco Saddi ed il segretario nazionale Gianfranco Langella, con tutto il Direttivo nazionale e regionale, presenteranno il nuovo soggetto politico domenica mattina ad Alghero
Nasce Destra democratica italiana


ALGHERO - E' nato in Sardegna un nuovo soggetto politico. E' Destra democratica italiana e vuole «inserirsi nel panorama politico sardo con proposte e progetti concreti per il rilancio della Sardegna e, in particolare, del nord ovest dimenticato e maltrattato da questa Giunta regionale». In Destra democratica, spiegano i rappresentanti, «è confluito il 60percento dei tesserati di Fratelli d’Italia, che hanno deciso di lasciare un partito nel quale non si riconoscevano più creando un nuovo Movimento nazionale. A rendere possibile la nascita di Destra democratica italiana è stato il terremoto politico accaduto qualche mese fa all’interno di FdI dove un folto nucleo di tesserati non ha rinnovato l'iscrizione al partito ed è andato via sbattendo la porta».

«Il motivo della rottura – proseguono i vertici di Ddi - è stato la mancanza di rinnovamento e i pochi spazi a disposizione di chi veramente voleva lavorare per una Sardegna e un'Italia migliore. Un partito che sta tornando indietro nel tempo e che ha spinto molti tesserati ad allontanarsi: dal Lazio alla Lombardia, alla Toscana e non ultima la Sardegna, Cagliari, Olbia, Oristano, Sassari, Alghero e tante altre realtà locali hanno così deciso di dire basta a un partito che non vuole ascoltare ne chi lo rappresenta ne la gente. Abbiamo fatto di tutto per parlare con i vertici di Fratelli d'Italia, lamentando irregolarità e fatti di un certo peso, ma nonostante l’invio di raccomandate e pec certificate, non si è mai avuto riscontro scritto e  le poche volte che si è avuto  un contatto telefonico, hanno tergiversato, precisando che chi chiedeva gli incontri rappresentava oltre la metà dei tesserati e quindi la maggioranza. Ovviamente, a fronte di tutto ciò, esiste documentazione certa che lo rappresenta».

«Dopo questo sfogo voluto e cercato da tutti gli ex tesserati, che mai hanno smesso di incontrarsi e di fare politica, si è deciso di dare vita a un nuovo movimento politico: Destra democratica italiana. Non tutti – insistono - hanno il coraggio di intraprendere una nuova avventura, lasciando il certo per l’incerto e costruire un nuovo progetto politico nazionale quando invece sarebbe stato più facile cavalcare l’onda e salire sul cavallo vincente. Niente di tutto questo, anzi più motivati che mai lavoreremo per individuare e valorizzare le sinergie necessarie alla ricostruzione economica, sociale e culturale della nostra Nazione legate a ogni singola regione. Ogni rivoluzione deve iniziare dal basso, coinvolgendo i territori, portando avanti la teoria federalista, la quale asserisce che il federalismo implichi un sistema costituzionale robusto e che incentiva la partecipazione democratica. I nostri tesserati sono interessati e entusiasti di questo nuovo soggetto politico pronto a stare con la gente nel portare avanti le problematiche di ogni singolo territorio».

«Le delusioni vanno affrontate, senza smettere di sognare o perdere la speranza in quello in cui si crede fermamente, mantenendo la voglia di agire e andare avanti - hanno spiegato Gianfranco Langella ed Andrea Sechi, ex dirigente ed ex tesoriere cittadino di FdI, rappresentanti dei principali tesserati del partito nella provincia di Sassari - Siamo rimasti delusi della gestione e delle problematiche all’interno del partito da parte dei dirigenti regionali e nazionali. Più della metà dei tesserati di Sassari hanno deciso di lasciare il partito di Giorgia Meloni, considerato una nave senza comandante, privo di regia, organizzazione e obiettivi. E' nata cosi la voglia di continuare un pensiero di destra, senza appartenere alle vecchie logiche di partito imposte dai dirigenti regionali e nazionali di Fratelli d'Italia. Destra democratica italiana nasce da una speranza per chi ancora crede nella vera politica di destra - hanno concluso Sechi e Langella - Come si faceva un tempo, a contatto con la gente per ascoltare le voci di chi non può urlare e confrontarsi con chi ha idee e progetti. Destra democratica sarà un partito aperto a tutti che guarda il rinnovamento». Il presidente Andrea Sechi, il vice Pierfrancesco Saddi ed il segretario nazionale Gianfranco Langella, con tutto il Direttivo nazionale e regionale presenteranno Destra democratica italiana domenica 11 novembre, alle 10, nella sala congressi del Polisoccorso, in Via Liguria 14/16, ad Alghero. Sono invitati iscritti e simpatizzanti.

Nella foto: il segretario nazionale Gianfranco Langella
Commenti
17:13
Domani pomeriggio, l´ex ministo sarà nell´Aula Magna del Rettorato per il terzo appuntamento con “Il bello e la sfida di essere donna”, il percorso-concorso promosso dall’Ateneo cagliaritano per la creazione e la diffusione di video ed elaborati giornalistici sul rispetto e la valorizzazione della figura femminile
16/11/2018
Laureato a Cagliari nella facoltà di Ingegneria per l’Ambiente ed il Territorio, è stato direttamente nominato dal Vice Presidente del partito Antonio Cardin, il quale gli ha affidato il compito di completare la strutturazione del partito nel territorio di competenza
© 2000-2018 Mediatica sas