Skin ADV
Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter Alguer.cat
Cagliari OgginotiziealgheroPoliticaOpere › L´ex-C di Sant´Agostino piace
S.O. 20 marzo 2019
Nei giorni scorsi ad Alghero la presentazione del progetto ai residenti. Abolizione della torre a quattro piani e creazione di un ambiente polifunzionale che dovrà essere volano di creatività e di partecipazione per svariate attività: conferenziale, teatrale, ludico-artistiche
L´ex-C di Sant´Agostino piace


ALGHERO - Nei giorni scorsi nella sala parrocchiale del SS Nome di Gesù, si è tenuta l’assemblea proposta dal Comitato di Quartiere di Sant’Agostino. Due i temi all’ordine del giorno: lo stato dei lavori dell’Ex Cotonificio e il Sagrato antistante la chiesa di Sant’Agostino. I lavori hanno visto la presenza delle figure professionali competenti per le proprie specificità: l’Arch. Curreli della Politecnica per l’Ex Cotonificio e l’ing. Anedda, funzionario del Comune per il Sagrato, oltre al Sindaco e al presidente del quartiere.

Platea piacevolmente affollata da persone del quartiere e non, dai componenti la giunta comunale, da alcuni rappresentanti, nuovi eletti, del Comitato Alghero Sud Chiara Rosnati, Carlo Ibba e Lorenzo Marcias. Tra tutti la presenza del prof. Indovina che tanto si è speso durante gli incontri nei tavoli tematici dedicati alla progettualità partecipata rispetto alle esigenze del quartiere. Dalla voce dei professionisti della Politecnica, ha preso corpo il progetto globale dell’Ex Cotonificio che ha due punti fermi: l’abolizione della torre a quattro piani, presente nel progetto iniziale, e la creazione di un ambiente polifunzionale che dovrà essere volano di creatività e di partecipazione per svariate attività: conferenziale, teatrale, ludico-artistiche, tutte quelle forme culturali per le quali le associazioni riterranno utili svolgere; un ambiente da vivere possibilmente 24 ore al giorno.

Per quanto riguarda il Sagrato, l’idea progettuale del Comune non ha incontrato l’approvazione del Comitato. Questo atto è giustificato da due fattori. La bellezza, nella sua semplicità, della Chiesa cinquecentesca che merita ben altra cornice e la specificità che deve essere attribuita al sagrato come luogo aggregante. Questo comporta l’assoluta necessità di avere attorno alla chiesa uno spazio adeguato che nella progettualità del Comune non è stato tenuto in considerazione. È stata avanzata dal Comitato l’idea di sagrato proposta da un abitante del quartiere, il sig. Cherchi, che ha impressionato favorevolmente il Sindaco, e che sarà portata all’attenzione dei lavori della giunta comunale. Una serata dedicata a due esigenze del quartiere, affrontate con pacatezza e sicurezza dalle parti chiamate ad esprimersi.
Commenti

© 2000-2019 Mediatica sas