Skin ADV
Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter Alguer.cat
Cagliari OgginotiziecagliariCronacaCronaca › Quartu: società evade 437mila euro
Red 16 aprile 2019
Nell’ambito dell’azione a tutela delle entrate a contrasto dell’evasione fiscale, le Fiamme gialle di Sarroch hanno concluso un controllo fiscale nei confronti di una società di Quartu Sant’Elena, risultata essere evasore totale per i periodi d’imposta dal 2013 al 2016
Quartu: società evade 437mila euro


QUARTU SANT'ELENA - Nell’ambito dell’azione a tutela delle entrate a contrasto dell’evasione fiscale, le Fiamme gialle di Sarroch hanno concluso un controllo fiscale nei confronti di una società di Quartu Sant’Elena, risultata essere evasore totale per i periodi d’imposta dal 2013 al 2016. L'indagine è scattata da una preliminare attività di controllo del territorio e da una successiva attività di riscontro dei dati estrapolati dalle banche dati in uso al Corpo. L’approfondimento delle informazioni così acquisite ha consentito di individuare la società poi sottoposta a controllo, con particolare riferimento alla locazione di immobili propri.

L’intervento ispettivo, effettuato con l’analisi della documentazione contabile acquisita ed il successivo riscontro con le informazioni in precedenza raccolte, ha consentito di rilevare che la società non ha presentato le dichiarazioni annuali ai fini delle imposte dirette ed Iva dal 2013 al 2016 ed omettendo di indicare ricavi per un importo di 117.100euro ed Iva per 23.926euro, pur avendo concesso in locazione un proprio immobile commerciale ad un’altra società. L’attenzione dei finanzieri si è poi spostata su un’operazione del 2016, riguardante un immobile che è stato sottoposto ad un regime fiscale agevolato introdotto dalla legge 208/2015 (Legge di Stabilità 2016), che prevedeva una tassazione dell’8percento sul valore dei beni assegnati ai soci.

Di contro, è stato appurato che questa agevolazione non spettava, avendo la società omesso sia il versamento dell'imposta, sia la presentazione della dichiarazione annuale ai fini delle imposte dirette: pertanto, il bene doveva essere tassato secondo il regime ordinario. Sostanzialmente, è stata conseguita una plusvalenza (data dalla differenza tra il valore di cessione del bene ed il valore di acquisto al netto degli ammortamenti) per un importo di 320.418euro, che doveva essere dichiarata ai fini delle imposte dirette. Conseguentemente, la società, indicizzata come evasore totale, non ha dichiarato ricavi ed altri componenti di reddito per complessivi 437.518euro ed Iva per 23.926euro.
Commenti
© 2000-2019 Mediatica sas