Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter Alguer.cat
Cagliari OgginotiziecagliariCronacaCronaca › Sequestrata carrozzeria abusiva: sigilli e tre denunce a Sestu
A.B. 19 luglio 2014
Nel corso di un’operazione a tutela dell’ambiente e della salute pubblica, la Guardia di Finanza di Cagliari ha sequestrato un’area di 2500metri quadri nelle campagne di Su Padru, a Sestu, e denunciato a piede libero i tre proprietari
Sequestrata carrozzeria abusiva: sigilli e tre denunce a Sestu


CAGLIARI – Le Fiamme Gialle del Comando Provinciale di Cagliari ha scoperto un’officina meccanica abusiva in cui veniva esercitata, in modo altrettanto abusiva, l’attività di carrozzeria, in completo dispregio della normativa posta a tutela dell’ambiente.

Nel corso dell’operazione, i finanzieri hanno scoperto, all’interno di un’area agricola di 2500metri quadri nelle campagne di Su Pardu, a Sestu, un fabbricato trasformato in officina, con locali adibiti anche ad abitazione privata. Oltre alle attrezzature previste per lo svolgimento dell’attività, sono state ritrovate numerose carcasse arrugginite di autoveicoli, parti di carrozzeria e meccaniche sparsi su tutta la superficie del terreno, oli lubrificanti e bitume riversati al suolo o dispersi in fogna, resti di falò per l’incenerimento di materiale di scarto e parti in plastica.

L’intera area e tutto il materiale rinvenuto, altamente pericoloso e nocivo per la salute pubblica, è stato sequestrato, mentre i due gestori dell'officina, due fratelli di 27 e 37 anni, insieme alla madre 61enne, proprietaria degli immobili, sono stati venivano denunciati a piede libero alla Procura della Repubblica di Cagliari per i reati di natura ambientale. L’attività (svolta da anni completamente in nero) è attualmente al vaglio degli investigatori anche sotto il profilo delle responsabilità in ordine a reati e violazioni connessi all’evasione fiscale.
Commenti
20/8/2017
Un 66enne cagliaritano, che era uscito in permesso premio lunedì, rientrando nel carcere di Uta è stato accompagnato nell´ospedale cittadino per dei controlli. All´interno dello stomaco aveva sette ovuli, per un totale di 155grammi tra marijuana, eroina e cocaina
18/8/2017
Si è conclusa l’attività coordinata dal Servizio centrale operativo della Direzione centrale anticrimine della Polizia di Stato ed intrapresa dalle Squadre mobili di diciassette province nel territorio nazionale, contro lo spaccio di droga nei luoghi di aggregazione giovanile
© 2000-2017 Mediatica sas