Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter Alguer.cat
Cagliari OgginotiziecagliariSaluteSanità › Chiude il Brotzu, pazienti in tre case di cura
S.A. 2 agosto 2014
La chiusura parziale del Brotzu è necessaria per le operazioni di manutenzione e ammodernamento della cabina elettrica che fornisce energia all´ospedale
Chiude il Brotzu, pazienti in tre case di cura


CAGLIARI - Tre case di cura private di Cagliari mettono a disposizione posti letto nelle proprie strutture durante lo stop ai ricoveri programmati e la chiusura del Pronto Soccorso dell'ospedale Brotzu di Cagliari da lunedì 4 a giovedì 7 agosto compreso. Nella riunione operativa di ieri (venerdì) in Prefettura - alla quale hanno partecipato il viceprefetto Carolina Bellantoni, il questore di Cagliari Filippo Dispenza, le forze dell'ordine, i responsabili del 118, la Protezione civile, le aziende sanitarie, il Comune e la Regione - sono state confermate le date di chiusura del nosocomio e la riapertura, con una graduale ripresa dell'attività medica, venerdi 8 agosto.

La chiusura parziale del Brotzu è necessaria per le operazioni di manutenzione e ammodernamento della cabina elettrica che fornisce energia all'ospedale: la messa in sicurezza dell'impianto, progettato 40 anni fa e costruito 8 anni più tardi, è indispensabile e ormai non più rinviabile per garantire la necessaria incolumità delle oltre 5000 persone che ogni giorno frequentano il più grande nosocomio della Sardegna. A parte i costi di manutenzione della cabina, l'operazione non richiede investimenti aggiuntivi per le casse regionali, in quanto viene realizzata dal personale del servizio sanitario regionale, attraverso le convenzioni con i privati e i gruppi di volontariato.

«Ringrazio la Casa di Cura Lay, la Nuova Casa di Cura Decimo e la Casa di Cura Sant'Anna per la loro disponibilità a fornire posti letto in caso di necessità - dice l'assessore regionale della Sanità Luigi Arru - Da lunedì a giovedì della prossima settimana, inoltre, invitiamo i residenti nelle altre province e i residenti fuori dall'area vasta a rivolgersi agli operatori di Medicina generale o ai pediatri di libera scelta e, in caso di necessità del pronto soccorso, di rivolgersi agli ospedali a loro più vicini, Iglesias, Carbonia, San Gavino, Muravera e Isili. Ringrazio inoltre - conclude l'assessore - i gruppi di volontariato e la Protezione civile per la preziosa collaborazione».
Commenti
18/1/2017
Le liti del Centrosinistra impediscono la discussione sulla riorganizzazione della rete ospedaliera. Purtroppo, anche nella delicata materia della sanità le liti del centrosinistra regionale hanno paralizzato la discussione di un importante progetto
18/1/2017
L’approvvigionamento è tornato alla normalità in tutti gli ospedali della Sardegna. Lo comunica l’Assessorato della Sanità, che per venerdì prossimo ha convocato un incontro con tutti i responsabili dei Centri trasfusionali
13:13
I consiglieri regionali Daniela Forma, prima firmataria, Moriconi, Cozzolino, Deriu, Piscedda e Solinas hanno presentato un´interrogazione urgente all’assessore della Sanità Luigi Arru per avere chiarimenti in merito alle procedure di attuazione della normativa sul modello ordinario di gestione delle aree socio sanitarie locali create con la riforma che ha introdotto l’Azienda unica Ats
© 2000-2017 Mediatica sas