Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter Alguer.cat
Cagliari OgginotiziecagliariSportCalcio › Serie A: poker del Cagliari a San Siro
Antonio Burruni 28 settembre 2014
I rossoblu si impongono per 1-4 sul campo dell'Inter e si rilanciano in classifica. Prima vittoria stagionale per mister Zeman, che festeggia grazie alla rete di Sau ed alla tripletta di Ekdal
Serie A: poker del Cagliari a San Siro


CAGLIARI - I rossoblu si impongono per 1-4 sul campo dell'Inter nella quinta giornata del campionato di serie A e si rilanciano in classifica. Prima vittoria stagionale per mister Zeman, che festeggia grazie alla rete di Sau ed alla tripletta di Ekdal.

PRIMO TEMPO. Dopo 8’ di gioco, il Cagliari passa in vantaggio con Sau, che addomestica bene un lungo rilancio e batte Handanovic di destro. Nel primo quarto d’ora, pallino nelle mani dell’Inter, che però non trova l’ultimo passaggio, mentre i rossoblu tentano di colpire in contropiede. Al 17’, punizione furba di Palacio, che libera Osvaldo davanti a Cragno e per l’attaccante è facile trovare la rete del pari. Prima ammonizione della partita al 24’, per Nagatomo, che commette fallo su Cossu. Due minuti dopo, il giapponese commette il secondo fallo consecutivo sul folletto rossoblu e l’arbitro Banti gli mostra il secondo giallo della sfida: Inter in dieci. Il Cagliari approfitta subito del vantaggio numerico ed al 28’ trova il raddoppio con Ekdal, pronto ad arrivare per primo sulla respinta di Handanovic sulla conclusione di Dessena. Il tris rossoblu arriva al 33’ ancora con lo svedese, che irrompe a rimorchio sul tocco indietro di Ibarbo. E’ pura Zemanlandia in questo momento. Al 41’, Vidic commette fallo in area di rigore su Sau e l’arbitro Banti indica il dischetto. Batte Cossu, ma Handanovic è prodigioso come sempre e sventa la minaccia. Ma il poker rossoblu è nell’area ed arriva cento secondi ancora con Ekdal, che insacca dopo una prima conclusione di Ceppitelli su azione d’angolo. Subito dopo, mister Mazzarri decide di sostituire Dodò con D'Ambrosio. Ad un minuto dalla fine del primo tempo, Balzano è pronto a salvare la propria porta sul tocco di Vidic, in azione d’angolo. Dopo 3’ di recupero, l’arbitro manda le due squadre negli spogliatoi per il riposo di metà match.

SECONDO TEMPO. L'Inter torna in campo con il più offensivo Guarin al posto di Medel, mentre mister Zeman conferma gli undici rossoblu che hanno ben giocato la prima frazione di gioco. La partita offre continui ribaltamenti di fronte, ma i pericoli restano solo potenziali ed i due portieri non sono stati chiamati ad interventi importanti. Il primo cambio per il Cagliari arriva al 67’, con Diego Farias che subentra ad Ibarbo. Subito un bello spunto del nuovo entrato, che viene innescato da Ekdal, ma non inquadra lo specchio della porta. Seconda sostituzione ospite al 72’, con Longo al posto di Sau. Mister Zeman cambia le punte per tenere fresche le frecce a disposizione del suo arco. Al 79’, reciproche scorrettezze per Balzano e Guarin, che ricevo un’ammonizione da Banti. A due minuti dal termine, terzo cambio per il Cagliari, con Joao Pedro che sostituisce Dessena. L’arbitro concede tre minuti di recupero.

INTER CAGLIARI 1-4:
INTER: Handanovic, Andreolli, Vidic, Juan Jesus, Hernanes, Medel (1'st Guarin), Nagatomo, Kovacic, Dodò (44' D'Ambrosio), Osvaldo, Palacio. (A disp. Carrizo, Berni, Icardi, Kuzmanovic, Ranoccchia, Obi, Puscas, Mbaye, M'Vila, Khrin). Allenatore Walter Mazzarri.
CAGLIARI: Cragno, Balzano, Ceppitelli, Rossettini, Avelar, Dessena (43'st Joao Pedro), Crisetig, Ekdal, Ibarbo (22'st Diego Farias), Sau (27'st Longo), Cossu. (A disp. Carboni, Murru, Caio Rangel, Pisano, Donsah, Capuano). Allenatore Zdenek Zeman.
ARBITRO: Luca Banti di Livorno.
RETE: 8' Sau, 17' Osvaldo, 28' Ekdal, 33' Ekdal, 43' Ekdal.

Nella foto (del Cagliari Calcio): la curiosa esultanza di Albin Ekdal, autore di una tripletta
Commenti
23/7/2016
I rossoblu bagneranno il loro ritorno nella massima serie esordendo domenica 21 agosto allo stadio Marassi contro il Genoa. Prima in casa, sette giorni dopo, contro la Roma
© 2000-2016 Mediatica sas