Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter Alguer.cat
Cagliari OgginotiziecagliariCronacaCronaca › 31enne due giorni in carcere per errore
M.L.P.C. 6 ottobre 2014
La Cassazione gli annulla la condanna ma viene arrestato lo stesso Per un errore passa due giorni in carcere
31enne due giorni in carcere per errore


MARACALAGONIS – E’ successo a Maracalagonis, paese in provincia di Cagliari. Daniele Cardia, il primo di ottobre scorso è stato arrestato dai carabinieri e messo agli arresti nel carcere di Buoncammino.
L’imputazione era incendio doloso, furto e ricettazione d’auto ma l’errore che l’ha condotto in prigione è stato doppio: i due capi d’accusa per i quali era stato condannato erano stati annullati dalla Corte di Cassazione con rinvio alla Corte d’Appello e comunque in Appello gli erano stati concessi due anni di condono e l’arresto non sarebbe stato consentito.

Quindi la pena finale a suo carico non era più di cinque anni ma di tre e, oggi, con le nuove leggi entrate in vigore, per questo periodo di tempo si può chiedere l’affidamento ai servizi sociali. Nonostante i suoi difensori fossero riusciti a far accogliere il ricorso alla Cassazione e ad annullare le accuse più gravi, le manette sono scattate lo stesso.

Il trentunenne di Mara era stato portato in tribunale con le accuse di furto, ricettazione d’auto e incendio doloso perché un testimone l’aveva indicato come passeggero di una Panda che faceva rally insieme a una Fiat Uno nelle campagne del paese. Passata una collinetta le due auto non si erano più rese visibili e la Uno era stata ritrovata bruciata.
I suoi difensori, nel ricorso in Cassazione, sostengono che non ci siano le effettive prove che a commettere il reato di ricettazione e incendio sia stato l’uomo: da qui la sentenza che gli dava cinque anni di reclusione è stata annullata. L’imputazione che rimane a suo carico è quella di furto d’auto che gli è costata una pena di tre anni di detenzione che però non sono sufficienti ora per finire agli arresti.

Nella foto: l'esterno del carcere Buoncammino
Commenti
17:08
Rischia fino ad un anno di reclusione ed un’ammenda fino a mille euro per esercizio di caccia in periodo non consentito e porto illegale di arma il bracconiere residente a Escalaplano che, ieri notte, è stato sorpreso dal Corpo forestale nel territorio del paese
18:33
I militari del Gruppo di Olbia hanno recentemente concluso un’attività ispettiva tributaria nei confronti di un circolo privato del capoluogo gallurese
15:13
Sabato sera, un 61enne è arrivato sulla spiaggia di Porto Ferro con la sua Jeep Cherokee, dopo essere transitato sulle dune di Baratz. Multato di 206euro dalla Polizia municipale di Sassari, rischia anche un provedimento penale
14:38
Nei giorni scorsi, nell’ambito dell’operazione coordinata dal Servizio centrale operativo della Polizia di Stato e condotta dalla Squadra Mobile della Questura di Enna, sono state svolte numerose perquisizioni in città e in provincia
17/6/2018
Le fiamme, le cui cause non sono ancora state accertate, sono divampate intorno alle 4 e hanno interessato prima una Bmw intestata ad un commerciante, poi il fuoco si è propagato sulla Porsche Macan di Conti
16/6/2018
Questa mattina, i Carabinieri della Stazione di Tempio Pausania sono riusciti ad identificare due donne che l’8 giugno, dopo essersi impossessate di undici bottiglie di liquore ed averle nascoste in una borsa, sono uscite dal negozio senza pagare
16/6/2018
Giovedì, a Loiri Porto San Paolo, al termine di accertamenti scaturiti da denunce/querele sporte da tre signore che vivono in località Enas, i Carabinieri della locale Stazione hanno depositato alla Procura della Repubblica di Tempio Pausania un rapporto relativo alla denuncia in stato libertà di una 38enne collaboratrice domestica
17/6/2018
Il ragazzino dallo scorso 13 maggio aveva fatto perdere le sue tracce, dopo essere scappato dalla Casa di Accoglienza “La Casetta di Donata” di Siliqua. Rintracciato dai carabinieri ad Alghero, dove abita il padre
17/6/2018
L´uomo è risultato gravato dalla misura di sicurezza dell’allontanamento dal territorio italiano che l’Ufficio di Sorveglianza del Tribunale di Cagliari aveva emesso nel marzo del 2013
© 2000-2018 Mediatica sas