Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter Alguer.cat
Cagliari OgginotiziecagliariPoliticaAmministrazione › «Scandalo a Cagliari: il carcere di Buoncammino passa allo Stato»
S.I. 13 ottobre 2014
E´ il coordinatore regionale dei Riformatori Sardi Michele Cossa a segnalare questa decisione del Governo Renzi che vede al centro il carcere di Buoncammino e la scuola di polizia di Monastir
«Scandalo a Cagliari: il carcere di Buoncammino passa allo Stato»


CAGLIARI - «Mentre la politica è distratta lo Stato si riprende Buoncammino. Lo fa con pretesti futili ma con destrezza: in un colpo solo toglie alla città uno degli edifici più ricchi di potenzialità di generare economia e chiude una struttura importante per la Sardegna come la scuola di polizia penitenziaria di Monastir». Lo dice il coordinatore regionale dei Riformatori sardi, Michele Cossa, in merito al possibile trasferimento a Buoncammino del carcere minorile di Quartucciu.

«Uno scandalo che non può restare sotto silenzio. Eppure lascia allibiti - prosegue Cossa - il silenzio del sindaco di Cagliari Massimo Zedda: davanti a questo vero e proprio atto di arroganza del Governo è il caso di farsi sentire e valere in tutte le sedi. Anche con la Regione di Francesco Pigliaru, che si sta facendo soffiare da sotto il naso tutti i gioielli della Sardegna».

«Regione e Comune, prosegue Cossa, "hanno decine di immobili che si possono utilizzare come CPA/CARA: manca la buona volontà del Governo di confrontarsi con le istituzioni sarde. Le quali, dal canto loro, incredibilmente non hanno nulla da dire. L'unica cosa che sanno fare è inchinarsi e piegare la schiena, sudditi del Governo nazionale».
Commenti
21/1/2017
Nei giorni scorsi, il sindaco Nicola Sanna è intervenuto a Roma al consiglio nazionale dell´Anci
21/1/2017
Slitta in Consiglio comunale l’approvazione del progetto definitivo. Martedì sera, l’assessore comunale all’Urbanistica Gianluca Mugheddu ha ritirato l’argomento dando disponibilità ad un confronto con i rappresentanti del comitato spontaneo di cittadini che si oppongono al progetto
© 2000-2017 Mediatica sas