Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter Alguer.cat
Cagliari OgginotiziecagliariPoliticaAmbiente › Sblocca Italia, ambiente: assessore Spano difende la Sardegna
Stefano Idili 13 ottobre 2014
Commissione della conferenza Stato - Regioni in vista della riunione riguardante i provvedimenti del governo contenuti nello "Sblocca Italia" del Governo Renzi. Intervento dell´assessore regionale all´Ambiente Spano
Sblocca Italia, ambiente: assessore Spano difende la Sardegna


agliari, 13 ottobre - «Vogliamo esercitare un peso importante nei confronti del Governo centrale, in un dialogo paritario e basato sulla leale collaborazione tra le istituzioni dello Stato. Per questo è fondamentale creare una rete di collaborazione tra le regioni su temi di comune interesse» dichiara l'assessore regionale della Difesa dell'Ambiente Donatella Spano, alla chiusura della Commissione Ambiente ed Energia della Conferenza delle Regioni, riunitasi quest'oggi a Roma. Anticipando la Conferenza Stato-Regioni prevista per il 16 ottobre, la Commissione si è riunita in relazione al DL n. 133/2014, cosiddetto "Sblocca Italia".

L'assessore Spano, intervenendo in videoconferenza sugli aspetti di competenza spiccatamente ambientale, ha proposto una serie di emendamenti che sono stati condivisi anche da altre regioni. «Questa rete di collaborazione e di solidarietà si sta realizzando con risultati importanti e positivi per l'autonomia delle Regioni, specie su materie di particolare rilevanza ambientale" ha commentato l'Assessore della giunta Pigliaru.»

In relazione alla creazione della rete degli impianti di recupero di energia, l'assessore Spano ha condiviso la richiesta di abrogazione dell'intero articolo 35: «considerata la delicatezza e il forte impatto sulle realtà territoriali non è accettabile una disciplina centralizzata e basata sulla decretazione da parte del Governo centrale» afferma Donatella Spano. Tale posizione è stata sostenuta anche da Lombardia, Emilia Romagna, Veneto, Sicilia, Puglia e Friuli.

Sulle attività di prospezione, ricerca e coltivazione di idrocarburi, l'Assessore ha ribadito la richiesta di abrogazione dei commi 3 e 4 dell'art. 38, riguardanti lo spostamento delle competenze dalle Regioni allo Stato in materia di Valutazioni di Impatto Ambientale. Sulla materia la Regione Sardegna ha infatti competenza primaria. Alla richiesta di abrogazione formulata dall'assessore Spano si sono unite le altre regioni, ed è stata infine chiesta all'unanimità l'eliminazione dell'intero articolo 38.

Nel corso della riunione, l'Assessore si è fatta portavoce anche di un ulteriore emendamento proposto all'art. 7 dall'assessorato dei Lavori Pubblici, finalizzato a salvaguardare la spendibilità dei fondi destinati alla mitigazione del rischio idrogeologico nelle città di Olbia e Bitti a seguito degli eventi alluvionali dello scorso mese di novembre. Tale richiesta è stata condivisa da tutte le Regioni presenti al Tavolo politico.



Nella foto l'assessore Spano
Commenti
28/6/2016
il consigliere Davide Tellini interviene con un interrogazione sulla pulizia delle spiagge e loro fruizione durante il periodo estivo, in particolare per la spiaggia dello Scogliolungo
27/6/2016
Nonostante le evidenze del Tar Sardegna che contesta gravi inadempienze all´Ambiente 2.0 sarebbe pronto il ricorso al Consiglio di Stato. Si va verso la nuova assegnazione a Ciclat
16:24
Il Wwf ha inoltrato una segnalazione alle autorità locali per la presenza di un furgone all’interno della pineta di Alghero e ripropone l´idea di far pagare un biglietto per accedere a dei servizi
27/6/2016
Da domani, il capoluogo turritano ospiterà la decima edizione di Enerloc, l´appuntamento annuale sui temi del risparmio energetico
27/6/2016
««I motivi sono esattamente quelli che avevamo denunciato a più riprese e che solo l´amministrazione pareva non se ne fosse resa conto.» Così il consigliere comuanle di Forza Italia Michele Pais in merito alla sentenza del Tar sull´appalto dell´igiene pubblica ad Alghero
27/6/2016
Un gruppo di volontari, armati di pale e bustoni, ha lavorato per ore, dando un esempio di cittadinanza attiva spontanea e gratuita in una delle zone più suggestive ma trascurate di Alghero
© 2000-2016 Mediatica sas