Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter Alguer.cat
Cagliari OgginotiziecagliariPoliticaAmbiente › Sblocca Italia, ambiente: assessore Spano difende la Sardegna
Stefano Idili 13 ottobre 2014
Commissione della conferenza Stato - Regioni in vista della riunione riguardante i provvedimenti del governo contenuti nello "Sblocca Italia" del Governo Renzi. Intervento dell´assessore regionale all´Ambiente Spano
Sblocca Italia, ambiente: assessore Spano difende la Sardegna


agliari, 13 ottobre - «Vogliamo esercitare un peso importante nei confronti del Governo centrale, in un dialogo paritario e basato sulla leale collaborazione tra le istituzioni dello Stato. Per questo è fondamentale creare una rete di collaborazione tra le regioni su temi di comune interesse» dichiara l'assessore regionale della Difesa dell'Ambiente Donatella Spano, alla chiusura della Commissione Ambiente ed Energia della Conferenza delle Regioni, riunitasi quest'oggi a Roma. Anticipando la Conferenza Stato-Regioni prevista per il 16 ottobre, la Commissione si è riunita in relazione al DL n. 133/2014, cosiddetto "Sblocca Italia".

L'assessore Spano, intervenendo in videoconferenza sugli aspetti di competenza spiccatamente ambientale, ha proposto una serie di emendamenti che sono stati condivisi anche da altre regioni. «Questa rete di collaborazione e di solidarietà si sta realizzando con risultati importanti e positivi per l'autonomia delle Regioni, specie su materie di particolare rilevanza ambientale" ha commentato l'Assessore della giunta Pigliaru.»

In relazione alla creazione della rete degli impianti di recupero di energia, l'assessore Spano ha condiviso la richiesta di abrogazione dell'intero articolo 35: «considerata la delicatezza e il forte impatto sulle realtà territoriali non è accettabile una disciplina centralizzata e basata sulla decretazione da parte del Governo centrale» afferma Donatella Spano. Tale posizione è stata sostenuta anche da Lombardia, Emilia Romagna, Veneto, Sicilia, Puglia e Friuli.

Sulle attività di prospezione, ricerca e coltivazione di idrocarburi, l'Assessore ha ribadito la richiesta di abrogazione dei commi 3 e 4 dell'art. 38, riguardanti lo spostamento delle competenze dalle Regioni allo Stato in materia di Valutazioni di Impatto Ambientale. Sulla materia la Regione Sardegna ha infatti competenza primaria. Alla richiesta di abrogazione formulata dall'assessore Spano si sono unite le altre regioni, ed è stata infine chiesta all'unanimità l'eliminazione dell'intero articolo 38.

Nel corso della riunione, l'Assessore si è fatta portavoce anche di un ulteriore emendamento proposto all'art. 7 dall'assessorato dei Lavori Pubblici, finalizzato a salvaguardare la spendibilità dei fondi destinati alla mitigazione del rischio idrogeologico nelle città di Olbia e Bitti a seguito degli eventi alluvionali dello scorso mese di novembre. Tale richiesta è stata condivisa da tutte le Regioni presenti al Tavolo politico.



Nella foto l'assessore Spano
Commenti
19/1/2017
A chiedere le dimissioni dell’assessore all’Ambiente e del direttore generale della Protezione civile sarda è Paolo Truzzu, consigliere regionale di Fratelli d’Italia-An
18/1/2017
Onde che sembrano spazzare via la spiaggia di Balai. A seguito del vento di grecale cresciuto questa mattina, il mare ha cominciato a gonfiarsi con vistose onde alte fino a sei metri finendo prima sulla battigia e poi invadendo l’intera spiaggia
19/1/2017
Il forte vento di ieri mattina ha fatto cadere un vecchio albero di pino dal giardino di fronte l’istituto del liceo scientifico “Europa Unita” danneggiando una parte del recinto. Una situazione più volte segnalata dal consigliere Davide Tellini
17/1/2017
Entro luglio le singole regioni dovranno recepire la legge che introduce i LEPTA, ossia il livello minimo omogeneo in tutto il territorio nazionale per lo svolgimento delle attività che il Sistema nazionale è tenuto a garantire
17/1/2017
Raccolta rifiuti e spazzamento a rischio il 28 gennaio. L’accordo sulla società consortile tra le aziende che gestiscono il servizio raccolta rifiuti urbani non c’è stato e le organizzazioni sindacali Cgil, Cisl e Fiadel hanno deciso di proclamare lo sciopero probabilmente alla fine del mese di gennaio
© 2000-2017 Mediatica sas