Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter Alguer.cat
Cagliari OgginotiziecagliariCulturaCultura › Cagliari perde ma fa sognare. «Siamo soddisfatti, non tristi»
M.L.Porcella Ciusa 17 ottobre 2014
Cagliari, tra le sei città finaliste non ha vinto il titolo, ma grande è stata la partecipazione dei cittadini
Cagliari perde ma fa sognare
«Siamo soddisfatti, non tristi»


CAGLIARI - L’aria che si respirava era quella di una finale dei mondiali di calcio. La galleria comunale era piena di cittadini trepidanti in maglietta rossa e spillina col logo di Cagliari Capitale. Alle 17,30, con mezz’ora di ritardo rispetto al momento previsto è iniziata la diretta streaming.

Dopo le parole che ricordavano l’importanza del titolo e al tempo stesso la speranza che le città finaliste ma non vincitrici non si sentano perdenti in senso stretto, il Ministro dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo Franceschini scrive sull’ipad il nome della città che è stata scelta dalla giuria (composta da da 13 membri 6 italiani e 7 stranieri). “Matera!” viene dichiarato da Steve Green, il presidente della Giuria di selezione.

E come a tutte le finali dei mondiali che si rispettino, il nome della città della Basilicata è risuonato come il calcio decisivo ai rigori. Un attimo da parte del pubblico della galleria per rendersi conto che il nome dichiarato non era quello di Cagliari e poi sono scoppiati gli applausi. Gli occhi lucidi dell’assessore Enrica Puggioni facevano trasparire qualche segno di malinconia ma le parole sono state di soddisfazione: «è stata un’esperienza emozionante a dir poco. Non dobbiamo essere tristi ma entusiasti di essere arrivati a questo risultato». Tanti oggi i cittadini, noti e meno noti, che affollavano la Galleria Comunale: per tutti tanta emozione e aspettative, a significato che l’elezione a Capitale Europea sarebbe stata apprezzata e condivisa da tutta la cittadinanza.

Nella foto: l'assessore Enrica Puggioni
Commenti
8:42
lunedì 4 luglio alle ore 10,30 si inaugura la sede dell’archivio storico e della biblioteca. Il restauro, finanziato dall’Unione europea con circa un milione e duecentomila euro, è stato progettato e diretto dallo studio Roggio-Gavini ed eseguito dalla ditta Pau di Collinas
© 2000-2016 Mediatica sas