Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter Alguer.cat
Cagliari OgginotiziecagliariPoliticaPolitica › «Il Centrosinistra a Roma vota contro le risorse per l´alluvione»
S.I. 21 ottobre 2014
Questo quanto denunciato dal deputato di Unidos Mauro Pili mentre ha illustrato di aver ripresentato per l´aula l´emendamento, firmato prima del voto da M5S e da Sel, che e´ stato bocciato in Commissione in sede referente
«Il Centrosinistra a Roma vota contro le risorse per l´alluvione»


CAGLIARI - «La maggioranza di governo vota contro le risorse per l'alluvione. Dopo 330 giorni l'esecutivo non sblocca nemmeno un euro per il disastro che il 18 novembre dello scorso anno ha distrutto mezza Sardegna, provocando 18 vittime e 2.700 sfollati. Con un voto palese i rappresentanti della maggioranza, compresi i sardi, componenti della Commissione referente del decreto 'Sblocca affari' hanno votato contro l'emendamento che avevo presentato per svincolare le risorse per l'alluvione dal Patto di stabilita'».

Questo quanto denunciato dal deputato di Unidos Mauro Pili mentre ha illustrato di aver ripresentato per l'aula l'emendamento, firmato prima del voto da M5S e da Sel, che e' stato bocciato in Commissione in sede referente. «Si tratta di un comportamento davvero vergognoso perche' continua a manifestare un menefreghismo senza precedenti verso una regione discriminata anche nelle tragedie - attacca Pili -. Nell'emendamento venivano escluse dall'obiettivo 2014 le spese per tutti gli interventi legati all'evento alluvionale del 18 novembre 2013 sia di pertinenza regionale che degli enti locali inseriti nell'apposito elenco dei comuni colpiti».

«Con un atteggiamento irresponsabile i rappresentanti del Pd, compresa la componente sarda, hanno votato contro. Se il governo mettera' la fiducia sul provvedimento quella discriminazione non sara' modificabile in aula».




Nella foto il deputato Mauro Pili
Commenti
30/11/2016
E´ cortocircuito in Sinistra Civica, Alghero in Comune: il consigliere comunale Giampietro Moro smentisce di aver partecipato al direttivo che ha firmato il documento odierno contro l´Udc
30/11/2016
All’annuncio del risultato, 453 i voti favorevoli, un gruppo di vecchi garibaldini dalle balconate del pubblico intonò l’inno nazionale costringendo l’intera assemblea costituente a levarsi dagli scranni facendo seguire applausi scroscianti ai versi di Fratelli d’Italia. Eppure quella stessa Costituzione, fin dal giorno in cui era stata votata, fu subito contestata. E duramente criticata non solo dalla destra monarchica e fascista che era rimasta fuori dal patto costituzionale, ma anche dagli stessi protagonisti che ne avevano determinato sia lo spirito che la forma. Il 4 dicembre, con il referendum confermativo si giocherà l’ultima partita di questa lunga storia.
30/11/2016
Nominati quattro nuovi rappresentanti territoriali: tre sono donne. È forte l’azione politica del partito per sensibilizzare i cittadini a votare No al referendum costituzionale di domenica 4 dicembre
© 2000-2016 Mediatica sas