Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter Alguer.cat
Cagliari OgginotiziecagliariCronacaDisservizi › Condomini pagano transenne sotto casa: «basta»
M.L.P.C. 23 ottobre 2014
I condomini di un palazzo di Via della Pineta costretti a pagare l’ingente affitto delle transenne di messa in sicurezza, «perché il Comune di Cagliari non inizia i lavori»
Condomini pagano transenne sotto casa: «basta»


CAGLIARI – La vicenda è iniziata domenica, quando, di prima mattina, alcuni pezzi di cornicione sono caduti dall’attico del quarto piano di un palazzo sito tra Via della Pineta e Via Lucca sul marciapiede, in corrispondenza di una gelateria. Subito sono intervenuti Polizia e Vigili del Fuoco per mettere in sicurezza l’area.

Di conseguenza, una ventina di metri di marciapiede sono quindi stati transennati per non creare ulteriori danni ai passanti. Dal Comune di Cagliari era stato comunicato che i lavori per sistemare il pericoloso cornicione sarebbero durati due giorni ed era previsto che iniziassero due giorni fa, martedì 21 ottobre.

Ma ancora nessuno dei residenti del palazzo, che si stanno accollando le ingenti spese di affitto transenne (circa 300euro al giorno), ha visto iniziare i lavori e la gelateria a piano terra del palazzo ha addirittura dovuto, per la sicurezza dei clienti, chiudere la terrazza. I condomini si chiedono a questo punto quanto dovranno ancora sborsare di tasca loro in attesa che le ingombranti (e dispendiose) transenne vengano tolte da sotto casa loro.

Nella foto: il palazzo transennato
Commenti
16:27
E´ il Comitato di Quartiere Fertilia-Arenosu a segnalare i disservizi del sistema di trasporti locali nella linea Alghero-Fertilia e a chiedere il ripristino della frequenza oraria di 60 minuti
22/6/2016
Cresce la protesta contro il Consorzio di Bonifica del Nord Sardegna. Negli ultimi trenta giorni, si sono moltiplicate le segnalazioni contro la mancata erogazione dell’acqua da parte del Consorzio di Bonifica del nord Sardegna. Attualmente, più di sessanta aziende agricole non possono irrigare i campi
© 2000-2016 Mediatica sas