Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter Alguer.cat
Cagliari OgginotiziecagliariPoliticaPolitica › «Troppa burocrazia e vincoli de minimis»
M.L.P.C. 27 ottobre 2014
Il consigliere di Forza Italia Stefano Schirru contesta gli ostacoli che impediscono di accedere ai fondi per le imprese
«Troppa burocrazia e vincoli de minimis»


CAGLIARI - Nei giorni scorsi il consigliere di Forza Italia Stefano Schirru ha avviato una mozione sugli eccessivi vincoli del bando di erogazione dei fondi della de minimis che è stata sottoscritta dal centrodestra e approvata all’unanimità in Aula. Secondo Schirru «il bando non agevola le categorie deboli, ma solo chi i soldi li ha già o ha le spalle coperte». La mozione quindi ha lo scopo di tutelare e aiutare chi è rimasto invischiato nel ginepraio del regolamento del bando. Il consigliere comunale di opposizione, intervistato da Cagliarioggi dice la sua sulle modalità di accesso ai fondi de minimis: «Impostati in questo modo sono inaccessibili: le risorse sono destinate a soggetti svantaggiati ma nel momento in cui richiedono fideiussione assicurativa o bancaria vogliono tanti avvalli che possono andare bene solo se il richiedente ha le spalle coperte, altrimenti è impossibile accedervi».

Schirru, che conosce bene la situazione, rincara la dose: «il comune (tramite la determinazione de 5/4/2013) anzichè valutare i progetti in base alla possibilità di successo e di effettive potenzialità ha inserito come ulteriore criterio quello di valutare il livello occupazionale, a differenza della Regione che richiede le fideiussioni solo alle società di capitali».

«Io ho chiesto – aggiunge Schirru - al Sindaco e alla Giunta di avviare iniziative volte al rilascio delle fideiussioni e allo snellimento della procedura. Viviamo in un momento in cui è difficile accedere al credito ordinario, i tassi sono elevatissimi e le condizioni non convenienti: il Comune ha a disposizione questi soldi che sono vincolati a questo scopo e si rischia di non spenderli per l’eccesso di burocrazia e rigidità dei regolamenti». Si tratta quindi di 3milioni e mezzo di euro che il Comune dispone per la de minimis e, una volta erogati a imprese di nuova costituzione, resterebbero nella comunità sarda, creando un indotto importante, in un periodo di forte crisi per il commercio e l’occupazione.

Nella foto: Stefano Schirru
Commenti
9:47
Alla mozione del Movimento Cinque Stelle approvata nel 2015 non sono seguiti dei fatti. I due portavoce chiedono all´amministrazione Bruno di concretizzare l´impegno dell´Aula
8:56
Il deputato dei Riformatori ha rivolto un'interrogazione urgente al ministro Guardasigilli Orlando per chiedere perché il carcere di Buoncammino non sia stato ancora restituito alla città
8:03
Ci stiamo adoperando per scrivere un dossier sulla demolizione della Sardegna operata dalla giunta Pigliaru, con un bilancio di metà mandato che denota il dissesto dei comparti strategici dell’Isola
19/1/2017
Chi può credere che su Università, lavoro, cultura e lingua sarda siano stati raggiunti obbiettivi importanti? E a chi possono darla a bere quando parlano di successi nelle politiche per le zone interne, chimica verde, turismo e agricoltura?
21:34
L´appuntamento, atteso per domenica 12 marzo, è stato rinviato a sette giorni dopo. La decisione è stata presa oggi pomeriggio, a Tramatza, durante l´assemblea regionale
19/1/2017
Su questo tema, Massimo Rizzu referente provinciale del movimento “Insieme Per le Autonomie” giovani, interviene con una proposta depositata in comune
18/1/2017
Se ancora una volta sono i numeri a parlare direi che è facile capire che il problema non è priorità dell’Amministrazione comunale, argomento che non è certo fra i primi all’attenzione del sindaco Nicola Sanna
© 2000-2017 Mediatica sas