Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter Alguer.cat
Cagliari OgginotiziecagliariCulturaUniversità › Sociologa sarda rappresenta i giovani in Europa
D.C. 27 ottobre 2014
Con il compito di supportare nei prossimi due anni il lavoro del Consiglio d’Europa e della Commissione Europea, in materia di politiche sui giovani, Valentina Cuzzocrea è stata nominata membro del “Pool of European Youth Researcher”
Sociologa sarda rappresenta i giovani in Europa


CAGLIARI – Il “Pool of European Youth Researcher” (Peyr), un gruppo di studiosi che avrà il compito di supportare nei prossimi due anni il lavoro del Consiglio d’Europa e della Commissione Europea in materia di politiche sui giovani, si è avvalso di un nuovo membro, ovvero Valentina Cuzzocrea, ricercatrice in sociologia al Dipartimento di Scienze Sociali e delle Istituzioni dell’Università di Cagliari. Il Peyr è precisamente composto da 25 studiosi europei, selezionati in seguito ad una “open call”, ed ha l’obiettivo di dare voce ad un’ampia varietà di problemi, approcci e prospettive disciplinari in relazione alle condizioni dei giovani in Europa oggi.

Nella sua nuova composizione, il pool si riunirà per la prima volta a Malta dal 25 al 28 novembre, per impostare i lavori del biennio e prendere parte ai lavori della “Conference on the role of youth work in supporting young people in vulnerable situation”. Valentina Cuzzocrea arriva a questa nomina grazie ad una intensa attività di ricerca nel campo degli studi sui giovani, che l’ha già portata a ricoprire il ruolo di vice-coordinatrice del Research Network della European Sociological Association ‘Youth and Generation’ e a presentare il suo lavoro a numerosi eventi internazionali.

Di formazione qualitativa, ha conseguito due importanti titoli accademici, M.A. e Ph.D., all’Università di Essex (Uk), dove ha gettato le basi per un approccio di ricerca centrato sulle carriere dei giovani e sulle transizioni all’età adulta. Tra le varie esperienze di ricerca, è stata Research Associate all’University of Kent e ha svolto attività di consulenza per il Consiglio d’Europa su argomenti affini alle transizioni all’età adulta, in particolare sul ruolo giocato dalle piattaforme on line, come “Edgeryders”, nel supportare questo difficile passaggio.

I suoi lavori affrontano temi quali le carriere dei giovani, i “Neets”, occupabilità, precarietà, flessibilità, e le identità di gruppi specifici di giovani, come i giovani sardi. All’interno dell’Università di Cagliari, è attualmente parte del gruppo di ricerca del progetto “iFuture” (“Giovani, Cittadinanza, Capacità di aspirare”, coordinato da Giuliana Mandich), che vuole indagare come i giovani sardi vedono il loro futuro, con un focus specifico sui ruoli attinenti alla sfera pubblica, la mobilità intra-europea e le forme di costruzione narrativa dell’identità giovanile.
Commenti
11:37
La Giunta regionale ha previsto un cofinanziamento per migliorare le esperienze di mobilità internazionale degli studenti sardi ed il miglioramento dei servizi per gli iscritti alle Università di Cagliari e Sassari, dell’Accademia delle Belle arti e dei Conservatori di musica
19/7/2017
L’Orto botanico dell’Università degli studi di Cagliari è il primo in Italia ad attivare questo tipo di sistema. Al via ieri le “librerie verdi”, scaffali con centinaia di volumi a disposizione di chiunque voglia leggerli durante la visita alla struttura
8:26
Sardegna ForMed, dalla sperimentazione alla stabilità: nasce il nuovo tavolo operativo Mediterraneo sotto gli auspici del Ministero degli Esteri e dell´Agenzia italiana di cooperazione allo sviluppo
© 2000-2017 Mediatica sas