Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter Alguer.cat
Cagliari OgginotiziecagliariCronacaArresti › 20enne distrugge casa e aggredisce un carabiniere
M.L.P.C. 28 ottobre 2014
Raptus di follia per un ventenne di Uta: arrestato per maltrattamenti in famiglia e violenza, resistenza e minaccia a pubblico ufficiale
20enne distrugge casa e aggredisce un carabiniere


UTA – Il raptus del giovane, un 20enne disoccupato e già conosciuto dalle forze dell’ordine, non si è placato neppure quando ha visto i carabinieri. Anzi, il ragazzo ha continuato a distruggere i mobili, poi ha preso in mano una roncola ed è scappato nel cortile di casa.

Quando i militari sono intervenuti, chiamati dal padre, il giovane aveva infatti già messo a soqquadro tutta la casa. Ha poi aggredito uno dei carabinieri intervenuti in soccorso dei familiari procurandogli alcune lievi ferite alla mano e alla tibia.

Lo stesso ragazzo è stato portato dal 118 all’ospedale cagliaritano San Giovanni di Dio: ha riportato contusioni al torace e ad un piede giudicate guaribili due giorni. Il protagonista della vicenda è un 20enne disoccupato e pregiudicato. Ora è stato arrestato per maltrattamenti in famiglia e violenza, resistenza e minaccia a pubblico ufficiale.
Commenti
19:14
Una piantagione di canapa indiana, con 1600 arbusti e dotata di un impianto automatico di irrigazione, è stata individuata dalla Polizia in località Su Canale vicino al cantiere della Olbia-Sassari
16:02
Altri due arresti messi a segno dai Carabinieri della Compagnia di Carbonia, che hanno così concluso l´operazione Arruga
21/7/2016
Un funzionario in servizio all´Ufficio Tutela del Paesaggio di Sassari-Olbia è stato arrestato per concussione dagli agenti del Nucleo investigativo del Corpo forestale della Sardegna
21/7/2016
Un 37enne di Olbia e un ungherese di 36 anni sono ritenuti i responsabili dell’organizzazione di un vasto giro di prostituzione, realizzato reclutando in Ungheria giovani e ignare ragazze che, una volta giunte in Italia, sono state ridotte in schiavitù, anche mediante violenza, e costrette a prostituirsi
21/7/2016
Quattro nuove ordinanze di custodia cautelare in carcere per la rapina del bancomat perpetrata presso l’aeroporto di Alghero lo scorso 19 settembre 2015. Tutti i dettagli in una conferenza stampa svoltasi stamane
© 2000-2016 Mediatica sas