Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter Alguer.cat
Cagliari OgginotiziecagliariCronacaSanità › Ospedale senza infermieri: pazienti a casa
M.L.P.C. 30 ottobre 2014
E’ successo nel reparto di Cardiostimolazione, dove vengono impiantati tra le altre cose i pacemaker ai cardiopatici, dello storico ospedale cagliaritano San Giovanni di Dio
Ospedale senza infermieri: pazienti a casa


CAGLIARI – E’ successo nel reparto di Cardiostimolazione, dove vengono impiantati tra le altre cose i pacemaker ai cardiopatici, dello storico ospedale cagliaritano San Giovanni di Dio. L’infermiera addetta viene a sapere che di lì a poco, precisamente il 3 di novembre, verrà trasferita: la donna all’improvvisa notizia accusa un malore e si mette in malattia. Il tragico risvolto è che non c’è nessun operatore sanitario apposito che la possa sostituire: l’attività di interventistica e diagnostica viene quindi sospesa e i tre pazienti che dovevano sottoporsi agli esami prenotati vengono avvisati.

La prima della lista però si trova già lì e, dopo aver avuto la notizia, va su tutte le furie minacciando di chiamare le forze dell’ordine. Fatto ancora più scioccante è che nessuno del reparto stesso sa quando potranno riaprire per mancanza di personale addetto e invitano la signora a rivolgersi alla direzione sanitaria. Il direttore generale Filigheddu replica che:

«Il San Giovanni sta soffrendo parecchio perché c’è un numero ristretto di infermieri che turnano rispetto alle esigenze dell’ospedale. Per questo chiediamo alla Regione più soldi” ma nel mentre nei reparti le risorse vanno ottimizzate». Dal Nursind (uno dei sindacati degli infermieri), la portavoce Vitalia Secci spiega che: «Il problema purtroppo è generale. La carenza del personale infermieristico è cronica in tutti gli ospedali d’Italia e basta un trasferimento per creare enormi disagi». Anche per questo il sindacato ha organizzato per il 3 novembre prossimo uno sciopero nazionale.
Commenti
17:08
Il presidio Alghero-Ozieri è classificato, al momento, come presidio di base e solo dal 2018 diventerà presidio di primo livello, senza alcun riferimento al mese in cui ciò avverrà; la classificazione a presidio di primo livello è strettamente legata all’istituzione della Rianimazione; la funzione del presidio sarà comunque sottoposta ad attento monitoraggio. Anche questa volta ci stanno vendendo un’illusione
21:34
Il 42enne Mario Cabras, tra i migliori tennisti in carrozzina (è numero 8 d´Italia), è seguito dal Centro emofilia dell´Azienda ospedaliera universitaria di Sassari
21/10/2017
«Opportunità per portare servizi di alta specialità a comunità più lontane», ha annunciato l´assessore regionale della Sanità Luigi Arru, durante il convegno “Telemedicina per la sostenibilità dei programmi regionali e di governo assistenziale”, organizzato da Sardegna.it, tenutosi ieri mattina a Cagliari
10:02
Saranno aperti domani mattina, nella seconda stecca bianca delle cliniche di Viale San Pietro. A metà novembre, al via la riorganizzazione degli spazi per i day hospital di oncologia
8:41
Venerdì mattina, i direttori dell´Azienda ospedaliera universitaria di Viale San Pietro hanno incontrato il direttore generale del Ministero della salute dell´Egitto Kawther Mahmoud Mahmoud
9:47
La Regione autonoma della Sardegna non contrarrà un mutuo per il ripianamento della spesa sanitaria per gli anni 2016/2017, rinunciando così all’anticipo di liquidità previsto nella Legge di stabilità approvata dal Consiglio dei Ministri
21/10/2017
Molti i pazienti che trascurano ancora la malattia, a partire dai sintomi sospetti. Per questo motivo, in occasione della Giornata mondiale della psoriasi, l´Associazione per la difesa degli psoriasici scende con i propri gazebo nelle piazze
© 2000-2017 Mediatica sas