Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter Alguer.cat
Cagliari OgginotiziecagliariCronacaSanità › Ospedale senza infermieri: pazienti a casa
M.L.P.C. 30 ottobre 2014
E’ successo nel reparto di Cardiostimolazione, dove vengono impiantati tra le altre cose i pacemaker ai cardiopatici, dello storico ospedale cagliaritano San Giovanni di Dio
Ospedale senza infermieri: pazienti a casa


CAGLIARI – E’ successo nel reparto di Cardiostimolazione, dove vengono impiantati tra le altre cose i pacemaker ai cardiopatici, dello storico ospedale cagliaritano San Giovanni di Dio. L’infermiera addetta viene a sapere che di lì a poco, precisamente il 3 di novembre, verrà trasferita: la donna all’improvvisa notizia accusa un malore e si mette in malattia. Il tragico risvolto è che non c’è nessun operatore sanitario apposito che la possa sostituire: l’attività di interventistica e diagnostica viene quindi sospesa e i tre pazienti che dovevano sottoporsi agli esami prenotati vengono avvisati.

La prima della lista però si trova già lì e, dopo aver avuto la notizia, va su tutte le furie minacciando di chiamare le forze dell’ordine. Fatto ancora più scioccante è che nessuno del reparto stesso sa quando potranno riaprire per mancanza di personale addetto e invitano la signora a rivolgersi alla direzione sanitaria. Il direttore generale Filigheddu replica che:

«Il San Giovanni sta soffrendo parecchio perché c’è un numero ristretto di infermieri che turnano rispetto alle esigenze dell’ospedale. Per questo chiediamo alla Regione più soldi” ma nel mentre nei reparti le risorse vanno ottimizzate». Dal Nursind (uno dei sindacati degli infermieri), la portavoce Vitalia Secci spiega che: «Il problema purtroppo è generale. La carenza del personale infermieristico è cronica in tutti gli ospedali d’Italia e basta un trasferimento per creare enormi disagi». Anche per questo il sindacato ha organizzato per il 3 novembre prossimo uno sciopero nazionale.
Commenti
24/9/2016
Con la nomina di Fulvio Moirano alla guida dell’Azienda per la tutela della salute si mette finalmente la parola fine sull’imbarazzante telenovela che ha accompagnato la fase preliminare all’accorpamento delle attuali Asl in un’unica azienda regionale. L’Ats, purtroppo, nasce zoppa per colpa dei partiti del Centrosinistra, che hanno man mano svuotato di contenuti l’idea di Asl unica regionale avanzata per la prima volta dai Riformatori. Con queste premesse, è lecito essere scettici sui risultati che la riforma sarà in grado di produrre
24/9/2016
Martedì mattina, la bambina, ricoverata all´ospedale Santissima Annunizata di Sassari, è stata trasportata a bordo di un Falcon 900 Easy, per poi essere trasferita all’ospedale Meyer di Firenze
23/9/2016
Duro sfogo dell´assessore ai Lavori pubblici Paolo Maninchedda sulla nomina del primo direttore generale dell´Asl Unica sarda, Fulvio Moirano
24/9/2016
«Da Zavattaro a Moirano, Pigliaru conferma scelta su manager non sardo», sottolinea il coordinatore regionale Ugo Cappellacci. «Nomina manager non fa chiarezza sul caos politico», rilancia il capogruppo forzista in Consiglio Regionale Pietro Pittalis
© 2000-2016 Mediatica sas