Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter Alguer.cat
Cagliari OgginotiziecagliariCronacaArresti › Accoltellamento a Sant´Elia, aggressore confessa
M.L.P.C. 3 novembre 2014
Accoltellamento di Sant’Elia: uno dei due ragazzi fermati, Diego Dario Caria, confessa. In questi giorni l’udienza di convalida degli arresti
Accoltellamento a Sant´Elia, aggressore confessa


CAGLIARI – La lite è avvenuta venerdì mattina, quando a causa di un diverbio nato per una mancata precedenza, ma pare anche per vecchi rancori, Alberto Orrù, 22enne residente nel quartiere, è stato inseguito mentre era a bordo del suo scooter da una Ford Ka guidata da Diego Dario Caria. In via Schiavazzi l’auto ha speronato lo scooter che è finito contro una macchina parcheggiata: Caria, non pago di questa prima aggressione, sarebbe tornato a casa sua a prendere un coltello col quale in prossimità di Piazza Silesu ha accoltellato con due fendenti, uno sotto l’ascella sinistra e l’altro ad un fianco, Alberto Orrù. Il giovane è ancora ricoverato al Brutzu in prognosi riservata ma pare che le sue condizioni piano piano siano in miglioramento.

Insieme all’aggressore c’era un secondo uomo, Diego Luigi Melis. I due ventenni sono stati arrestati e Caria ha reso piena confessione mentre ancora non è chiaro il ruolo di Melis che continua a non parlare. Su una sua scarpa è stata ritrovata una traccia di sangue ma potrebbe anche essere frutto di un trasferimento secondario in quanto molte persone quella mattina avevano assistito alla violenza e avevano cercato di separare i contendenti.

L’udienza davanti al Gip Cristina Ornano si terrà tra oggi e domani e il legale degli aggressori, Teresa Camoglio, chiederà la scarcerazione di Melis che pare abbia avuto un ruolo puramente secondario di contro a Caria che si è addossato tutte le colpe.

Nella foto il quartiere di Sant'Elia
Commenti
21/4/2018
Nella periferia del capoluogo gallurese, i poliziotti hanno sottoposto ad un controllo una roulotte, il quale 64enne proprietario, già noto alle Forze dell’ordine, sentendosi scoperto, gli ha spontaneamente consegnato un sacchetto di plastica, contenente svariato materiale metallico, artigianalmente modificato al fine di essere utilizzato come canna per pistola, numerose cartucce e due pistole giocattolo modificate
21/4/2018
Questa mattina, gli agenti della Sezione Volanti ed unità della Squadra Mobile, hanno arrestato un 50enne di Sorso, già noto alle Forze dell´ordine, per tentato omicidio
© 2000-2018 Mediatica sas