Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter Alguer.cat
Cagliari OgginotiziecagliariPoliticaEconomia › «Le Fornaci Scanu non chiudano, la Giunta Pigliaru si attivi»
S.I. 5 novembre 2014
«La giunta regionale si deve attivare con estrema urgenza per mettere in campo tutte le azioni che garantiscano alle aziende sarde di poter competere e ammortizzare il costo del trasporto dei loro prodotti»
«Le Fornaci Scanu non chiudano, la Giunta Pigliaru si attivi»


CAGLIARI - «La Giunta regionale si deve attivare con urgenza per evitare la chiusura delle Fornaci Scanu, un’azienda leader e simbolo delle “Made in Sardinia” da oltre cinquant’anni». Lo dice il coordinatore regionale dei Riformatori sardi, Michele Cossa.

«Si tratta – dice ancora Cossa - di un'azienda sana, vittima delle difficoltà che le aziende sarde incontrano nel vendere i propri prodotti, anche quando questi sono tecnologicamente avanzati e competitivi. Aziende che non sono in grado di reggere lo svantaggio dell'insularità e del costo dei trasporti, ma nemmeno quella di laterizi scadenti provenienti dall'estero, che oggi hanno conquistato il mercato sardo».

Ecco perché, conclude il coordinatore regionale dei Riformatori sardi, «la giunta regionale si deve attivare con estrema urgenza per mettere in campo tutte le azioni che garantiscano alle aziende sarde di poter competere e ammortizzare il costo del trasporto dei loro prodotti».

Nella foto Michele Cossa
Commenti
23:08
Nei giorni scorsi è stato richiesto, da parte sindacale, un nuovo impegno imprenditoriale e politico per una ripresa del comparto industriale di Portotorres. Tra le varie richieste, anche quella di installare, in zona industriale, un rigassificatore. Ho la sensazione che la maggior parte dell´opinione pubblica non sappia cosa sia un rigassificatore
6/12/2016
Il Consiglio generale della Femca Cisl di Sassari ha deciso di rivolgere l’ennesimo appello a Eni e Novamont affinché rispettino il protocollo della chimica verde, con tutti i suoi investimenti, «visto che Matrìca forse arriverà al break even nel 2018 e quindi altri 2 anni di forte incertezza»
6/12/2016
I rimborsi potranno essere ritirati in banca entro il 30 dicembre, mentre saranno accreditati direttamente sul conto corrente degli utenti che hanno scelto tale opzione al momento della presentazione della richiesta
7/12/2016
Stanziati 2,3 milioni di euro in favore della gestione liquidatoria dell’ente. Ora potrà essere attivato l’iter per il passaggio dei dipendenti ZIR prioritariamente al Comune di Tempio
© 2000-2016 Mediatica sas