Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter Alguer.cat
Cagliari OgginotiziecagliariPoliticaAmministrazione › Buoncammino, Consiglio vota unanime: diventi spazio per la città
M.L.P.C. 5 novembre 2014
Il consiglio comunale ha bocciato la decisione del Ministero della Giustizia di destinare l’immobile come sede di detenzione dei minori attualmente ospitati nell’istituto di pena a Quartucciu, e per accogliere gli uffici del provveditorato. Voto unanime dell´Aula
Buoncammino, Consiglio vota unanime: diventi spazio per la città


CAGLIARI - Il consiglio comunale ha bocciato la decisione del Ministero della Giustizia di destinare l’immobile come sede di detenzione dei minori attualmente ospitati nell’istituto di pena a Quartucciu, e per accogliere gli uffici del provveditorato. I consiglieri di centrosinistra dicono no e anche tutta l'aula vota all’unanimità a favore dei due ordini del giorno presentati ieri in aula.

Giovanni Dore di Sardegna Pulita, firmatario di una delle proposte sottolinea: «Il carcere di Buoncammino è l'immobile più grande della città di Cagliari (area di 15.000 mq) e deve essere recuperato con l'idea di un grande progetto di ricucitura, recupero, riqualificazione e riutilizzo di un luogo strategico per il futuro del centro storico cittadino. Si può pensare ad hotel, studentato e luoghi di aggregazione sociali e culturali, ma anche a spazi museali e perfino, per una parte, da dedicare all’housing sociale. Certo, invece, che il Ministero della Giustizia non può pretendere di mantenerne il possesso per destinarlo a carcere minorile (se è inadatto per i carcerati ordinari, figuriamoci per i giovani) o ad uffici che possono essere collocati in tante altre parti della città meno strategiche».

Claudio Cugusi, firmatario dell’altra proposta che prevedeva l’acquisizione del carcere da parte del Comune spiega: «Il carcere di Buoncammino rappresenta un’enorme opportunità di crescita della città dal punto di vista turistico e culturale».

Nella foto il carcere di Buoncammino
Commenti
27/8/2016
I comunisti (e lo dico sicuro di fare un complimento a chi lo riceve, che si onora di esserlo) non perdono l´odiosa abitudine di provare a decidere chi deve parlare e cosa deve dire. Vecchie reminiscenze di un passato falce&martello, che dal suono della Balalaika li conduce alla "ballalaica" che la giovane classe dirigente, nel caso di specie, utilizza per difendere la "supposta" offerta di appuntamenti culturali che avrebbe proposto la tiepida estate Algherese
© 2000-2016 Mediatica sas