Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter Alguer.cat
Cagliari OgginotiziecagliariCronacaCronaca › Macchiareddu, rifiuti tossici: sequestro
M.L.P.C. 7 novembre 2014
Rifiuti tossici abbandonati nell’area della ex Dicovisa a Macchiareddu: nel registro degli indagati il legale della ditta
Macchiareddu, rifiuti tossici: sequestro


CAGLIARI - Diversi capannoni industriali, un laboratorio chimico, alcuni fabbricati: un'area grande complessivamente circa dieci ettari a Macchiareddu è stata sequestrata dagli agenti del Corpo forestale di Capoterra. Sotto i riflettori è finita l'area della ex Dicovisa, chiusa negli anni Ottanta e poi ceduta a una società di Milano.

Secondo quanto accertato dagli uomini della Forestale l'azienda sarebbe stata smantellata, sarebbero state portate via le attrezzature e quanto di valore c'era ancora nei vari capannoni, ma sarebbero stati abbandonati i rifiuti tra cui oli combustibili e altre sostanze potenzialmente pericolose, alcune delle quali sarebbero anche finite nel terreno. Il materiale, invece, doveva essere smaltito.

Il nome del legale rappresentante della ditta di Milano (fino al 2013) è stato iscritto nel registro degli indagati: a lui vengono contestate violazioni ambientali in materia di smaltimento dei rifiuti. Al termine degli accertamenti, a cui ha preso parte anche il personale dell'Arpas, è stata presentata una relazione in Procura che ha portato al sequestro preventivo di tutta l'area.

Nella foto la zona di Macchiareddu
Commenti
24/4/2017
Ieri sera, gli agenti della Sezione Volanti, hanno denunciato in stato di libertà per ricettazione e possesso di arnesi atti allo scasso, un 23enne ed un 24enne, entrambi sassaresi e già noti alle Forze dell´ordine
24/4/2017
Nei giorni scorsi, gli agenti delle Volanti di Nuoro, dopo una rapida indagine, hanno deferito all’Autorità giudiziaria un uomo residente in Penisola per il reato di truffa on-line ai danni di un giovane nuorese. Quest’ultimo, dopo essere entrato su un sito on-line di incontri, era stato telefonicamente convinto da un´aitante e sedicente escort, prima dell’incontro, a versare la somma di 100euro sulla sua carta prepagata
© 2000-2017 Mediatica sas