Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter Alguer.cat
Cagliari OgginotiziecagliariCronacaCronacaCocco bello da Napoli, racket in Sardegna
M.L.P.C. 7 novembre 2014
Inchiesta-denuncia delle Iene. Come in tutta Italia, anche le spiagge della Sardegna sono totalmente in mano alla malavita napoletana per ciò che riguarda la vendita del cocco: da Cagliari il consigliere regionale e avvocato Busia lancia la denuncia
Cocco bello da Napoli, racket in Sardegna


CAGLIARI - Già qualche anno fa la trasmissione Mediaset delle Iene si era occupata di denunciare l’organizzazione che si cela dietro la vendita nelle spiagge italiane del frutto tropicale. Stavolta l’inchiesta sbarca nella nostra Isola: anche qui i venditori di cocco che sono per la maggior parte napoletani e un motivo ci sarà e la puntata dello scorso 5 novembre lo spiega bene.

L’inviato delle Iene ha intervistato un venditore, che per motivi di sicurezza è voluto rimanere anonimo, anche lui proveniente dalla Campania, che ha spiegato bene come funziona l’organizzazione: la Sardegna viene divisa in diverse zone di vendita, ognuna delle quali con un capo zona che ha al suo servizio 4 o 5 persone, ovviamente lavoratori tutti in nero, mentre il boss, quello che guadagna davvero, è a Napoli.

L’organizzazione secondo quanto denunciato, che si chiama proprio “Cocco Bello”, ha una gerarchia precisa e severa: le donne controllano poi se i venditori ogni giorno lavorano come si deve, macinando chilometri e chilometri di spiaggia sotto il sole. I guadagni sono alti, il 60% va al boss, che a detta del testimone anonimo, ha contatti con la camorra e se si sgarra si rischia forte.

Il video-denuncia ha avuto molta eco: da Cagliari, l’avvocato e consigliere regionale Anna Maria Busia ha presentato denuncia a tutte le Procure della Sardegna per chiedere l’apertura di un’inchiesta a denuncia di un fatto concreto: che l’attività di vendita del cocco sia controllata da una rete di criminalità organizzata e che non la si può esercitare se non alle strette dipendenze di Napoli.

Foto d'archivio
Commenti
23/5/2017
Blitz dei Carabinieri della locale Stazione e della Compagnia di Cagliari, che hanno portato in carcere un 27enne ed ai domiciliari un 20enne ed un 23enne. I tre dovranno rispondere delle accuse di detenzione e spaccio di droga, di detenzione illegale di armi, lesioni, spari in luogo pubblico e tentata estorsione
23/5/2017
A Porto Istana, i Carabinieri della Stazione di Olbia Poltu Quadu hanno notato un giovane che si stava dirigendo verso un parcheggio, ma che, alla vista dei militari, è tornato indietro facendo finta di aspettare qualcuno. Successivamente, non si è fermato all´alt dei Carabinieri, venendo fermato dopo un inseguimento di 10chilometri
23/5/2017
Si chiama “gascromatografia spettrometria di massa”, ma è ormai conosciuto come “drogometro”, il nuovo strumento utilizzato nello scorso fine settimana per l’accertamento immediato sul posto della guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti
15:09
Ieri pomeriggio, gli agenti della locale Sezione Volanti hanno denunciato due cinesi e due marrocchini per una rissa accesasi in un´attività commerciale a Predda Niedda
© 2000-2017 Mediatica sas