Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter Alguer.cat
Cagliari OgginotiziecagliariCronacaCronacaCocco bello da Napoli, racket in Sardegna
M.L.P.C. 7 novembre 2014
Inchiesta-denuncia delle Iene. Come in tutta Italia, anche le spiagge della Sardegna sono totalmente in mano alla malavita napoletana per ciò che riguarda la vendita del cocco: da Cagliari il consigliere regionale e avvocato Busia lancia la denuncia
Cocco bello da Napoli, racket in Sardegna


CAGLIARI - Già qualche anno fa la trasmissione Mediaset delle Iene si era occupata di denunciare l’organizzazione che si cela dietro la vendita nelle spiagge italiane del frutto tropicale. Stavolta l’inchiesta sbarca nella nostra Isola: anche qui i venditori di cocco che sono per la maggior parte napoletani e un motivo ci sarà e la puntata dello scorso 5 novembre lo spiega bene.

L’inviato delle Iene ha intervistato un venditore, che per motivi di sicurezza è voluto rimanere anonimo, anche lui proveniente dalla Campania, che ha spiegato bene come funziona l’organizzazione: la Sardegna viene divisa in diverse zone di vendita, ognuna delle quali con un capo zona che ha al suo servizio 4 o 5 persone, ovviamente lavoratori tutti in nero, mentre il boss, quello che guadagna davvero, è a Napoli.

L’organizzazione secondo quanto denunciato, che si chiama proprio “Cocco Bello”, ha una gerarchia precisa e severa: le donne controllano poi se i venditori ogni giorno lavorano come si deve, macinando chilometri e chilometri di spiaggia sotto il sole. I guadagni sono alti, il 60% va al boss, che a detta del testimone anonimo, ha contatti con la camorra e se si sgarra si rischia forte.

Il video-denuncia ha avuto molta eco: da Cagliari, l’avvocato e consigliere regionale Anna Maria Busia ha presentato denuncia a tutte le Procure della Sardegna per chiedere l’apertura di un’inchiesta a denuncia di un fatto concreto: che l’attività di vendita del cocco sia controllata da una rete di criminalità organizzata e che non la si può esercitare se non alle strette dipendenze di Napoli.

Foto d'archivio
Commenti
12:05
L´uomo si trovava nel parcheggio dell´Hotel Mediterraneo, quando la sua auto è stata bloccata da due vetture, dalle quali sono scesi due banditi, con i volti coperti armati di pistola
29/8/2016
E´ stato indagato per omicidio stradale il 19enne Giuseppe Boi, al volante della Golf sulla quale viaggiava anche il 20enne Enrico Lecca, deceduto sabato in seguito all´incidente lungo la Strada Provinciale 118
11:23
Prefettura, Capitaneria di porto, Questura, Protezione civile, Croce rossa stanno predisponendo l´area con le tende per le visite mediche e le operazioni di identificazione
13:45
Si cercano i due uomini dal forte accento sardo che hanno fermato la guardia giurata con i soldi, la moto di grossa cilindrata utilizzata e i soldi
11:17
L´episodio risale al 17 agosto scorso. Il ferito, con fratture multiple, è stato sottoposto a intervento chirurgico. L´aggressore, anche lui in vacanza, è stato bloccato nel porto di Olbia prima dell´imbarco
29/8/2016 video
Questa mattina, due malviventi mascherati hanno assaltato un portavalori all'incrocio tra via via Cravellet e via Marconi. Il bottino dovrebbe superare i 100mila euro
29/8/2016
Sarà messa in vendita il prossimo 11 novembre nel Tribunale di Sassari. Base d´asta poco meno di tre milioni di euro. La villa appartiene alla Prato Verde srl di Alghero che l´ha rilevata nel 2010
29/8/2016
E´ l´ora dei fatti. Se non si può prevedere, s´inizi a prevenire. Partendo dalle scuole, uffici pubblici, chiese (alla faccia del messaggio di Cristo: «Costruite sulla roccia, non sulla sabbia»). E si compia una seria opera di controllo. Mai più corruzione. Mai più vittime della cattiva edilizia
29/8/2016
Gli agenti sono intervenuti nel centro storico cittadino a seguito di una segnalazione circa la presenza di un individuo armato di motosega che minacciava dei vicini. Denunciato 22enne
© 2000-2016 Mediatica sas