Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter Alguer.cat
Cagliari OgginotiziecagliariCronacaCronaca › Pirri, professore schiaffeggia l’alunno maleducato: polemiche
M.L.P.C. 9 novembre 2014
Professore violento o alunno esageratamente maleducato e indisponente? A Pirri docente di disegno da uno schiaffo a un alunno che pare avergli sferrato un pugno: in corso le indagini
Pirri, professore schiaffeggia l’alunno maleducato: polemiche


CAGLIARI – E’ accaduto all’istituto tecnico Giua di via Montecassino a Pirri lo scorso 29 ottobre ma la vicenda è trapelata in queste ultime ore. Durante l’ora di disegno l’alunno sedicenne sarebbe stato mandato fuori dall’aula dal docente, Sergio Saruis, dopo aver disturbato per diverse volte la lezione. Una volta fuori dall’aula le cose sarebbero degenerate: il ragazzo a detta sua avrebbe messo una mano sopra la spalla dell’insegnante e lui l’avrebbe schiaffeggiato, mentre il docente sostiene di essere stato malmenato con un pugno e solo a quel punto avrebbe risposto con uno schiaffo. Immediata la risposta dei genitori dello studente: due giorni dopo il padre si è recato dai carabinieri a sporgere denuncia.

Le indagini presso la scuola, da parte dei carabinieri della compagnia di Cagliari al comando del capitano Eugenio Fatone, sono subito iniziate e la querela è già stata inviata alla Procura: c’è da chiarire se sia stato lo studente ad alzare le mani impunemente contro il professore o quest’ultimo ad aver avuto una reazione esagerata alla maleducazione del sedicenne che, a detta del professore è sempre stato di una protervia senza limiti.

I genitori degli alunni sono tutti della stessa opinione: per quanto il ragazzo sia stato indisponente e maleducato un docente non dovrebbe mai perdere il controllo fino a questo punto ma adottare altre linee di difesa disciplinare. Saranno ora le indagini a spiegare come realmente sono andati i fatti e a fare chiarezza sull’accaduto.

Nella foto la scuola di Pirri
Commenti
20/8/2017
Un 66enne cagliaritano, che era uscito in permesso premio lunedì, rientrando nel carcere di Uta è stato accompagnato nell´ospedale cittadino per dei controlli. All´interno dello stomaco aveva sette ovuli, per un totale di 155grammi tra marijuana, eroina e cocaina
18/8/2017
Si è conclusa l’attività coordinata dal Servizio centrale operativo della Direzione centrale anticrimine della Polizia di Stato ed intrapresa dalle Squadre mobili di diciassette province nel territorio nazionale, contro lo spaccio di droga nei luoghi di aggregazione giovanile
© 2000-2017 Mediatica sas