Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter Alguer.cat
Cagliari OgginotiziecagliariPoliticaCronaca › «Cimitero ecomostro di Quartu: bugie hanno gambe corte»
S.I. 10 novembre 2014
Ecomostro al cimitero, i Riformatori attaccano l’assessore Sarritzu: bugie e mistificazioni hanno le gambe cortissime. La colpa dello scempio è soltanto dell’assessore che ha voluto quel progetto e non ha ascoltato nessuno
«Cimitero ecomostro di Quartu: bugie hanno gambe corte»


QUARTU - «L’assessore Luisella Sarritzu dovrebbe occuparsi con più impegno delle questioni che attengono al suo assessorato, come ad esempio l’ecomostro del cimitero di Quartu, anziché lasciarsi andare ad accuse gratuite mistificando la realtà. La responsabilità di quello che è accaduto al cimitero di Quartu è interamente dell’assessore Sarritzu che ha fatto di testa sua e non ha ascoltato nessuna delle proposte migliorative fatte da tanti, non solo dai Riformatori» Lo dicono la coordinatrice dei Riformatori di Quartu, Elena Secci, e il capogruppo del partito in Consiglio comunale Ignazio Schirru.

«Le bugie hanno le gambe corte – dicono i due esponenti dei Riformatori – quelle della Sarritzu decisamente cortissime: è stata la Sarritzu ad approvare il progetto definitivo del cimitero che ha portato allo scempio. Nel 2013 quando i Riformatori erano ancora nell’esecutivo sperando che la gestione del Comune e degli assessorati cambiasse, la Giunta aveva approvato un progetto preliminare fidandosi dell’assessore Sarritzu. Una fiducia mal riposta, come dimostrano i fatti. Anche perché è davvero ridicolo che l'assessore ora si debba rivolgere a un tecnico per capire come rimediare: non ci poteva pensare prima? Lei cosa ci sta a fare».

«Abbiamo denunciato l’ecomostro – spiegano Secci e Schirru - quando abbiamo visto con i nostri occhi insieme a migliaia di cittadini cosa si stava realizzando materialmente in cimitero: eravamo lì ad onorare i miei cari e abbiamo sentito il dovere e l'urgenza di informare il sindaco ed la Giunta quanto stesse accadendo. Il paradosso è che l’assessore Sarritzu, responsabile degli uffici e competente in materia, colei che aveva il compito di vigilare su tutte le attività dell'assessorato ed in particolare sui progetti e sull'esecuzione dei lavori più importanti, accusi altri dei suoi errori. Ma ci chiediamo: in questi mesi chi ha vigilato sulla realizzabilità dei progetti e sull'andamento dei lavori? Cosa ha fatto l'assessore e cosa farà per evitare che si completi questo "scempio?»

«Chiediamo all'assessore – proseguono la coordinatrice e il capogruppo dei Riformatori - di riferire pubblicamente ai cittadini sulle cose fatte da lei per vigilare sulla realizzabilità e sull'andamento dei lavori in cimitero e su cosa farà per evitare che si completi lo "scempio" da lei stessa voluto». All'assessore Sarritzu, concludono Elena Secci e Ignazio Schirru, «consigliamo di mettersi a lavorare anziché provare , senza riuscirci, ad accusare altri di colpe che sono soltanto sue. La fallimentare esperienza del sindaco Contini e dell’assessore Sarritzu è fortunatamente destinata a chiudersi: noi lavoriamo perché non si ripeta mai più».

Nella foto il cimitero di Quartu
Commenti
13:55
Al vertice parteciperà il presidente del Cagliati, Tommaso Giulini, assente ieri, per precedenti impegni, alla prima riunione convocata dalla prefetta Giuliana Perrotta dopo gli scontri di sabato a Sassari
27/3/2017
La Questura di Palermo ha vietato la vendita di biglietti per il settore ospiti per il match del 2 aprile prossimo in Sicilia. La decisione è stata presa dopo gli scontri avvenuti sabato scorso a Sassari
27/3/2017
Dopo gli scontri di sabato scorso a Sassari, è pronta una circolare da inviare a tutte le agenzie di autonoleggio affinché informino la questura sui viaggi previsti dalle tifoserie in trasferta
21:42
La Procura di Sassari ha iscritto un terzo nome nel registro degli indagati nell´inchiesta sui furti di cocaina, dall´ufficio Corpi di reato del tribunale sassarese, che tre settimana fa ha portato a due arresti. La nuova indagata sarebbe la compagna di uno dei due
17:00
Barchino avvistato a diverse miglia sud di Capo Teulada un barchino con a bordo otto algerini diretto verso le coste sarde. Sono stati trasferiti in alcuni centri di accoglienza
27/3/2017
Scontri a Sassari, Nicola Sanna: «La città vuole chiarezza» Il sindaco scrive al ministro dell´Interno Domenico Minniti.
9:17
Il dirigente scolastico Antonio Fadda ieri ha aperto il consiglio d´istituto a Mamoiada a cui hanno partecipato le famiglie e la docente originaria di Oliena a cui è stata recapitata nei giorni scorsi una lettera con un messaggio minatorio e un proiettile
25/3/2017
Un 29enne cagliaritano è stato arrestato per resistenza aggravata a pubblico ufficiale e lesioni personali e reati previsti dalla normativa sulle manifestazioni sportive
27/3/2017
Una lettera minatoria, con un proiettile nella busta, è stata recapitata ad una maestra elementare di Oliena, che insegna nel vicino paese di Mamoiada. La solidarietà del sindaco e dell´assessore regionale
25/3/2017
«E´ opportuno che venga fatta subito chiarezza sule responsabilità», chiede il presidente del Consiglio regionale Gianfranco Ganau. Il sindaco di Sassari Nicola Sanna in contatto con questore e prefetto. Il primo cittadino di Cagliari Massimo Zedda scrive al collega sassarese
27/3/2017
I Carabinieri della locale Compagnia, nell’ambito dei servizi a contrasto dell’illegalità diffusa e delle cosiddette “stragi del sabato sera”, nonché della prevenzione illeciti connessi al fenomeno della “movida”, hanno controllato 153 persone, 82 veicoli ed un esercizio pubblico
26/3/2017
«Niente a che fare con il calcio, bisogna chiarire se è stato fatto tutto per prevenire le violenze», auspica il senatore del Partito Democratico
27/3/2017
Grave intimidazione nei confronti di un noto avvocato del foro di Sassari. Due buste con proiettili e miccia detonante sono arrivate al suo indirizzo nei giorni scorsi. Indagini dei carabinieri
© 2000-2017 Mediatica sas