Cagliari Oggi
Notizie    Video   
NOTIZIE
Cagliari Oggi su YouTube Cagliari Oggi su Facebook Cagliari Oggi su Twitter Alguer.cat
Cagliari OgginotiziecagliariPoliticaUrbanistica › «La disputa tra baroni e aristocrazia penalizza la Sardegna»
S.I. 8 dicembre 2014
«I campioni del finto ambientalismo – prosegue l’esponente azzurro-, contorcendosi nelle loro contraddizioni ipocrite, riescono solo nell’impresa di andare contro tutte le esigenze in campo», così il consigliere regionale di Ugo Cappellacci
«La disputa tra baroni e aristocrazia penalizza la Sardegna»


CAGLIARI - «L’oziosa e aristocratica disputa tra i baroni della Giunta e le contesse penalizza la Sardegna». Così Ugo Cappellacci (Forza Italia) ritorna sul dibattito riguardante il Piano Casa. «I campioni del finto ambientalismo – prosegue l’esponente azzurro-, contorcendosi nelle loro contraddizioni ipocrite, riescono solo nell’impresa di andare contro tutte le esigenze in campo»: infatti – sottolinea Cappellacci- non solo non sono capaci di elaborare uno strumento idoneo a salvaguardare il paesaggio e il territorio, ma bloccano altresì un intero settore, quello dell’edilizia, che è già versa in una situazione di grave sofferenza. La Giunta Pigliaru ha revocato il Piano Paesaggistico non per proporre uno nuovo, ma solo per ritornare a quello del 2006 che con lo strumento discrezionale delle intese consente a pochi eletti di colare migliaia di metri cubi di cemento sulle coste, mentre blocca tutto ciò che riguarda i comuni mortali».

«E così – ha aggiunto Cappellacci- la mancata proroga del Piano Casa, con la pesante contraddizione della richiesta ai Comuni di tenere aperti l’ultimo giorno di validità di quello scaduto, è la dimostrazione di una Giunta che non sa come mascherare un provvedimento la cui sostanza è ben diversa dall’immagine che la Giunta si è attribuita. Questa fase di "vuoto normativo" sta gravemente penalizzando imprese, professionisti ed operai».

«Noi chiediamo alla Giunta regionale di ascoltare i sardi anziché ricercare la compiacenza dei feudatari del paesaggio. A proposito dell’ipocrisia di questi ultimi – ha concluso Cappellacci- invitiamo provocatoriamente questi signori a mandare una foto delle loro dimore, tutt’altro che modeste, e del luogo in cui si trovano: così l’opinione pubblica potrà sapere da dove predicano questi finti Ayatollah, impostori dell’ambientalismo».
Commenti
21/4/2018
La nostra città, Alghero, io l’ho vista imbruttire. Non in maniera lineare, non senza eccezioni. Ma dal Dopoguerra a questa parte si è persa l’attenzione al bello. C’è stato qualche tentativo di cercare di bella architettura, l’architetto “di Alghero” Simon Mossa ha tentato di creare un modello, subito dimenticato. Ma per lo più, si è seguito un modello dormitorio. Case senza qualità, il palazzone da periferia metropolitana come modello. Così sono sorti interi quartieri che hanno imbruttito la città
21/4/2018
Inaugurato ufficialmente ieri sera uno spazio destinato alla socializzazione ed agli eventi culturali. Nell´area completamente rimessa a nuovo dall´Amministrazione comunale di Sassari, erano presenti il sindaco Nicola Sanna, l´assessore comunale ai Lavori pubblici Ottavio Sanna ed il progettista Sebastiano Pisanu, che hanno spiegato come hanno operato e quali scelte sono state compiute per riqualificare i 10mila metri quadrati di piazza
21/4/2018
«Pronti al confronto pubblico per arrivare a una sintesi alta», ha dichiarato l´assessore regionale, che ha partecipato al convegno “L’infinito cammino dei Piani urbanistici in attesa di una legge urbanistica innovativa”, organizzato ieri da Legambiente
© 2000-2018 Mediatica sas